Con chi c'è l'ha questa volta il fotografo Oliviero Toscani

In un’intervista telefonica alla trasmissione La Zanzara, Oliviero Toscani ha definito Giorgia Meloni: “Ritardata, brutta e volgare"

Per alcuni è un genio, per altri un megalomane, per altri ancora un inopportuno irriverente. Da cinquant’anni il fotografo Oliviero Toscani  è sulla cresca dell’onda per la scabrosità delle sue foto e per le polemiche al vetriolo.A finire questa volta nel mirino del fotografo milanese la leader di Fratelli d’Italia. In un’intervista telefonica alla trasmissione La Zanzara, Toscani ha definito Giorgia Meloni: “Ritardata, brutta e volgare, mi dà fastidio la sua estetica. E’ proprio fastidiosa e quindi tutto ne risente, anche l’estetica”.

La Meloni  replica su Facebook: “Miserabile”

“Il radical chic – con tessera Pd in tasca – Oliviero Toscani, fotografo di Benetton, dice alla trasmissione La Zanzara che io sono “brutta e volgare”, che “gli dà fastidio la mia estetica” e che “sono ritardata”. Non risponderei a qualcuno che disistimo così profondamente, se non ci fossero in queste poche parole svariate forme di razzismo viscerale. Razzismo contro le donne, costrette – indipendentemente da ciò di cui si occupano – a dover rendere conto del loro aspetto fisico. E, molto peggio, razzismo verso il dramma di chi soffre di disturbi psichici. Voglio dire che sono profondamente fiera che la mia presenza dia fastidio a una persona così miserabile», ha scritto Giorgia Meloni su Facebook

Dalla Rete messaggi di solidarietà al presidente FdI

“Inqualificabili le parole di Toscani contro Giorgia Meloni, a cui va tutta la mia solidarietà. E’ inquietante che un uomo di cultura ancora non sappia distinguere tra diritto di critica e libero insulto, che non è consentito a nessuno. Chieda scusa”, ha scritto su Twitter Anna Maria Bernini, capogruppo dei senatori di Forza Italia. “Le parole di #Toscani nei confronti dell’amica @GiorgiaMeloni sono vergognose: razziste verso le #donne, razziste verso i #malati usati come insulto. Così non va!”, il commento di Giovanni Toti, presidente della regione Liguria.

Di sè dice:  “Sono un patrimonio dell’umanità”

In una recente intervista, Oliviero Toscani, dà sfoggio della sua personalità . “Sono un patrimonio dell’umanità” dice, aggiungendo che “tutta la mia generazione lo è, tutti quelli nati tra il 1939 e il 1950, da Mohammed Ali ai Beatles”. Il prossimo lavoro del fotografo sarà una campagna per l’Onu sul settantesimo anniversario dei diritti umani. “E ci tengo particolarmente – spiega – soprattutto in questo momento in Italia, dove i diritti umani e civili stanno sparendo. Stiamo vivendo un momento come quello delle leggi razziali, attenzione. Non sono un collaborazionista, non voglio esserlo. È incredibile che nessuno si muova”. Si schiera con Weinstein e contro il #MeToo. “Andrò a difendere Harvey Weinstein – dice il fotografo – Non è che difendo quello che ha fatto, voglio spiegare perché è successo questo. Che non è solamente colpa sua. Aspettate e vedrete”. E l’ultima istantanea Toscani la dedica alla politica. “È da domandarci da chi siamo governati, Qui Quo Qua, i nipoti di Paperino, sono molto più intelligenti – attacca – Vedi, i grillini è il più grosso spettacolo comico che Beppe Grillo ha messo insieme”.

ASKANEWS | 05-12-2018 11:38