,,

Palamara si auto sospende dall'Anm, Spina si dimette dal Csm

Il comitato di presidenza del Csm annuncia la convocazione di un Plenum straordinario. Il ministro dell'Interno: "Urgente riforma della giustizia"

“Mi assumo la responsabilità di auto sospendermi dal mio ruolo di associato con effetto immediato”. Queste sono le parole scritte dal pm romano Luca Palamara, indagato per corruzione a Perugia, al presidente dell’Anm Pasquale Galasso. La decisione di togliersi dal consiglio dell’Associazione Nazionale Magistrati è stata presa a seguito della bufera mediatica nella quale Palamara è rimasto coinvolto dopo che la Guardia di Finanza ha perquisito la sua abitazione nei giorni scorsi.

“Sono certo di chiarire i fatti – ha proseguito il pm – che mi vengono contestati. Il mio intendimento ora è quello di recuperare la dignità e l’onore e di concentrarmi esclusivamente sulla difesa nel processo di fronte a tali infamanti accuse”.

Intanto, oggi si è dimesso dal Csm il consigliere Luigi Spina, capogruppo di Unicost a Palazzo dei Marescialli, indagato per rivelazione di segreto d’ufficio e favoreggiamento personale nell’ambito dell’inchiesta sull’ex presidente dell’Anm Luca Palamara. Ieri Spina si era autosospeso dai suoi incarichi di consigliere nell’organo di autogoverno dei giudici.

Il comitato di presidenza del Csm annuncia la convocazione di un Plenum straordinario per martedì 4 giugno nel quale verrà preso atto delle dimissioni sopravvenute di Luigi Spina: “Si impone oggi un confronto responsabile tra tutti i componenti per la forte riaffermazione della funzione istituzionale del CSM a tutela dell’intera Magistratura”.

Il Comitato rende noto anche di aver chiesto alla procura di Perugia, “con riferimento al procedimento che vede coinvolti alcuni magistrati, la trasmissione degli atti ostensibili oltre quelli già in possesso del Consiglio”.

Sulla vicenda è intervenuto il ministro dell’Interno Matteo Salvini. “La riforma della giustizia è urgente”, ha detto il vicepremier rispondendo a una domanda sul “caso Palamara“. “Non entro nel merito ma – ha aggiunto – da cittadino italiano, non è normale che ci siano magistrati che indagano altri magistrati e che ci siano accuse di corruzione su chi dovrebbe giudicare i cittadini. Spero che – ha concluso – emergano in fretta eventuali responsabilità. La riforma della giustizia, al servizio dei cittadini, è un’emergenza in questo Paese”.

Intanto per l’Anm “gli accadimenti e le frequentazioni riferiti dagli organi di stampa, sotto il profilo etico e deontologico, costituiscono una grave violazione commessa da parte di chi, in attuazione delle norme costituzionali, ha la responsabilità di far parte” del Csm e “sono in palese contrasto con i principi e i valori che orientano i magistrati nel loro operare quotidiano”. L’Associazione nazionale dei magistrati ha espesso preoccupazione per le notizie che si riferiscono all’inchiesta di Perugia che evidenziano anche rapporti tra alcuni consiglieri del Csm e politici.

VirgilioNotizie | 01-06-2019 18:50

palamara-autosospeso Fonte foto: Ansa
,,,,,,,