,,

Arrestato per caporalato, sfruttava anche il fratello

Gli operai venivano pagati meno di 4 euro l'ora e vivevano in condizioni disumane

Aveva sei operai impiegati, di cui uno in nero, e li pagava meno di quattro euro l’ora ciascuno. Come riporta Ansa, tra le persone sfruttate da un 63enne titolare di un’azienda agricola e zootecnica di Vittoria, in Sicilia, c’è anche il fratello dell’imprenditore. L’uomo è stato arrestato e posto ai domiciliari dalla polizia per caporalato e furto di energia elettrica.

Durante i controlli della squadra mobile di Ragusa e del locale commissariato è emerso che gli operai erano divisi in due gruppi: uno si occupava del raccolto delle melanzane e l’altro dell’allevamento di bestiame e , secondo la polizia, alcuni operai, per lo stato di bisogno, erano costretti a dormire in azienda in una struttura “priva di condizione di abitabilità, igienica e di sicurezza”.

Il 63enne rubava anche l’energia elettrica, come constatato dai tecnici Enel. All’uomo sono stati contestati anche i gravi pericoli che correvano gli operai per un invaso creato all’interno dell’azienda privo di recinzione tranne che per alcune parti protette da vecchie reti per materassi arrugginite.

VirgilioNotizie | 06-06-2019 07:20

40867546b7fa3eaf3d1b09ec1bc17b31.jpg Fonte foto: ANSA
,,,,,,,