,,

Bologna: 29enne tenta il suicidio, salvata dalla polizia

Coppia di pakistani, lei non accettava che il marito sposasse una seconda donna

Non sopportava che il marito, musulmano come lei, stesse per sposare un’altra donna: per questo una 29enne originaria del Pakistan ha tentato di uccidersi la scorsa notte a Bologna. Il tentativo di suicidio, riporta l’Ansa, è stato sventato grazie all’intervento di un vicino di casa e della Polizia.

A dare l’allarme è stato lo stesso marito, 30 anni, anche lui pakistano, che in questi giorni era rientrato nel paese d’origine per celebrare il secondo matrimonio. Dopo l’ennesima lite al telefono, proprio per la decisione dell’uomo di sposare una seconda donna, la 29enne ha chiuso la comunicazione annunciando che si sarebbe tolta la vita. L’uomo ha subito chiamato un vicino di casa chiedendogli di andare a controllare. Alle sollecitazioni del vicino la donna non ha mai risposto; lui però l’ha sentita piangere da dietro la porta e ha chiamato la polizia. La donna nel frattempo aveva ingerito una massiccia dosa di tranquillanti.

Gli agenti intervenuti sul posto, un appartamento nella zona dell’ex ghetto ebraico, dopo una trattativa sul pianerottolo sono riusciti a tranquillizzare la 29enne e a farsi aprire. La donna ha spiegato loro che non accettava il secondo matrimonio del marito, nonostante fosse consentito dalla loro religione. Dopo aver ingerito i tranquillanti, ha anche pensato di impiccarsi: gli agenti hanno infatti trovato nella camera da letto un cappio legato a una trave sul soffitto e una sedia proprio sotto. La donna è stata ricoverata all’ospedale Sant’Orsola di Bologna, dove resterà in osservazione per alcuni giorni.

VirgilioNotizie | 08-04-2019 14:51

tentato-suicidio-bologna Fonte foto: Ansa
,,,,,,,