Barcellona, si prepara a commemorare vittime alla Sagrada Familia

Identificate 11 vittime,in ospedale 54 feriti,3 italiani deceduti

Roma, 20 ago. (askanews) – Barcellona, ancora scossa dai due sanguinosi attentati che l’hanno colpita giovedì scorso, si prepara a commemorare le vittime in una messa nella chiesa-simbolo della Sagrada Familia. Prosegue la caccia all’uomo per catturare il ventidueenne marocchino Younes Abouyaaqoub ritenuto essere il guidatore del furgone che ha investito e ucciso 14 persone.

Sono intanto 11 le persone identificate finora dalle autorità tra le 14 vittime degli attentati di giovedì scorso a Barcellona e Cambrils, mentre sono 54 i feriti ancora ricoverati in ospedale, sui 130 complessivi.

Sabato, mentre gli investigatori erano all’opera per ricostruire un quadro complicatissimo, il ministro dell’Interno spagnolo, Juan Ignacio Zoldo ha dichiarato che la cellula terroristica che ha attuato l’attentato è stata “smantellata”, anche se le autorità locali catalane hanno adottato toni più cauti.

Tre gli italiani morti sulla Rambla di Barcellona: Bruno Gulotta, 35 anni, in vacanza con la moglie e i due figli piccoli; Luca Russo, 25 anni, in visita nella città con la ragazza, rimasta ferita; e Carmen Lopardo, 80 anni, che viveva da 60 anni in Argentina.

Due i cittadini portoghesi che hanno perso la vita: una donna di 74 anni e la nipote di 20 anni.

Sulla Rambla hanno perso la vita anche una donna belga, Elke Vanbockrijck, 44 anni, in vacanza con marito e figli; un americano di 43 anni, Jared Tucker, in viaggio per il suo primo anniversario di nozze; lo spagnolo Francisco López Rodríguez, di 57 anni, deceduto insieme al nipote di 3 anni, Xavi; il canadese Ian Moore Wilson; e Silvina Alejandra Pereyra, 40 anni, con la doppia cittadinanza spagnola e argentina, che viveva da 10 anni a Barcellona. Infine a Cambrils è morta Ana María Sußrez, spagnola.

ASKANEWS | 20-08-2017 08:22

TAG: