,,

70enne uccisa a Barge: individuato un possibile colpevole

L'uomo sarebbe stato avvistato da alcuni testimoni mentre si allontanava dal luogo del delitto

Ci sono degli sviluppi sulle indagini riguardanti Anna Piccato, la 70enne uccisa a Barge lo scorso 23 gennaio.

Come riporta Repubblica, il probabile assassino sarebbe stato avvistato, da alcuni testimoni, mentre scappava dal luogo in cui è stato trovato il cadavere della donna. Si tratterebbe di un uomo che abita nella zona, finito nel registro degli indagati. I testimoni, una coppia che vive in una villetta nelle vicinanze, avevano sentito dei rumori sospetti quella mattina, intorno alle 6.30, ma non ci avevano badato poiché pensavano fossero prodotti da animali selvatici. Poi, qualche ora più tardi, dopo essersi affacciati alla finestra che dà verso la chiesa di Barge, avevano notato un mucchio di abiti scuri, ma non avevano capito che si trattava di un cadavere. Solo quando l’uomo è uscito e si è avvicinato, ha visto che riverso al suolo c’era il corpo di una donna e ha chiamato i carabinieri.

Sempre secondo quanto riportato da Repubblica, l’autopsia sulla donna ha rivelato che la sua testa è stata colpita almeno una dozzina di volte con un’arma simile a un grosso martello. Il suo volto, devastato dalle ferite, ha reso difficile il riconoscimento persino per il marito, Gaetano Morelli. L’arma del delitto non è ancora stata trovata.

A causa di alcune macchie di sangue trovate in via Giolitti, è stata avvalorata l’ipotesi secondo cui la donna sia stata assalita sul marciapiede, e sia stata poi trascinata fino al lato della chiesa. Lì ha infine trovato la morte, ed è stata derubata dei pochi spiccioli che aveva in tasca. 3 euro: il resto del caffè consumato al bar poco prima di essere brutalmente uccisa.

VIRGILIO NOTIZIE | 29-01-2019 10:36

Anna Piccato Barge
,,,,,,,