,,

I tamponi ai clienti non bastano: ristorante multato e chiuso

Un locale milanese ha aggirato i divieti del Dpcm rimanendo aperto la sera e facendo test Covid ai clienti, ma non è servito a evitare la sanzione

Un ristorante milanese è stato multato con una sanzione di 400 euro e la chiusura per cinque giorni. Come riporta l’Ansa, l’attività aveva deciso di rimanere aperta la sera violando il Dpcm, offrendosi di fornire tamponi rapidi ai clienti; ma la soluzione precauzionale non è evidentemente servita a giustificare l’apertura e ad evitare la sanzione.

La polizia ha invitato ad uscire gli ospiti del ristorante che erano all’interno, dopo il risultato negativo del tampone. Lo stesso ristorante di Milano era in risalto sulle pagine della cronaca per aver aderito un mese fa alla protesta #ioapro, con la quale alcuni ristoratori hanno apertamente sfidato le regole del Dpcm che impone la chiusura di bar e ristoranti dopo le 18.

In merito al tentativo del locale milanese di aggirare il Dpcm, Paolo Polli, tra i promotori del ‘Comitato a difesa delle partite Iva’, aveva spiegato all’Agi: “Con l’iniziativa di domenica ci mettiamo in una prospettiva nuova, offrendo una soluzione concreta al tema della sicurezza. Sarà l’occasione per fare una richiesta ufficiale al Prefetto di darci gratuitamente i tamponi, con la speranza di un aiuto dalla Regione che è favorevole all’apertura serale”.

“In questo modo ne guadagneremmo tutti. Lo Stato risparmierebbe i ristori – ha osservato Polli – e noi potremmo lavorare e mantenere anche i nostri dipendenti e tutta la filiera. Inoltre avremmo più tamponi alla popolazione e quindi un miglior controllo dei contagiati”.

VirgilioNotizie | 15-02-2021 11:55

Covid, assembramenti in centro a Roma: chiusa la Fontana di Trevi Fonte foto: ANSA
Covid, assembramenti in centro a Roma: chiusa la Fontana di Trevi
,,,,,,,