,,

Travolte da un suv a Iglesias, nonna muore salvando la nipote

Lutto nella città sarda, dove la nonna è ricordata con tenerezza anche dalle insegnanti della piccola

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Un suv ha travolto martedì a Iglesias (Sud Sardegna) una nonna, Anna Maria Fois, 67 anni, e la sua nipotina di 8 anni. La donna è riuscita a spingere via la bambina, salvandole la vita, ma sarebbe stata sbalzata a oltre 15 metri di distanza, come riporta Il Corriere della Sera, morendo poco tempo dopo.

La 67enne sarebbe stata spinta verso l’alto, ricadendo sul cofano e sul parabrezza del suv di A.B., 26 anni, e infine scaraventata lontano. Il giovane, interrogato, è stato sottoposto all’alcoltest, risultando negativo, ed è stato denunciato per omicidio stradale.

Le ultime parole della nonna

Pensate alla bambina“. Sarebbero state queste le ultime parole di Anna Maria Fois, prima di perdere conoscenza e essere trasportata d’urgenza all’ospedale di Iglesias, in condizioni disperate. È morta poco prima di essere trasportata in elisoccorso a Cagliari.

La nipotina se l’è cavata con qualche graffio, lievi contusioni e un grande spavento, grazie alla nonna che ha evitato la tragedia. Dal lettino del Pronto Soccorso, da dove è stata dimessa poche ore dopo la vicenda, avrebbe chiesto “Dov’è la mia nonnina?“.

La versione dell’investitore

L’investitore, A. B., ha raccontato al Corriere della Sera la sua versione della vicenda, avvenuta davanti all’istituto Costantino Nivola, in via Pacinotti. “Non ho fatto in tempo a vederla. Tutt’a un tratto ho visto una sagoma, c’era anche il sole”.

Secondo il racconto del ragazzo, la signora Anna Maria Fois sarebbe uscita dalla fila della auto in sosta qualche metro più in là delle strisce pedonali, attraversando la strada davanti alla scuola elementare, molto trafficata al mattino.

Il tenero racconto della maestra

“Fra la nonna e la nipotina c’è sempre stato un rapporto intenso, speciale. L’accompagnava ogni mattina fin dentro l’aula, le dava un bacio e veniva a riprenderla alla fine delle lezioni”, ha raccontato una maestra al Corriera della Sera.

“Arrivavano qualche minuto prima del suono della campanella, si trattenevano in corridoio a chiacchierare. Sapevamo dalla bambina che quando aveva qualche difficoltà la nonna accorreva subito per aiutarla a fare i compiti” ha proseguito l’insegnante.

Il parroco di Iglesias: “Servono i dissuasori”

Don Giorgio Fois, parroco della chiesa San Pio X, nel rione di Serra Perdosa, ha celebrato oggi i funerali della nonna. “Quanta tristezza. Due famiglie distrutte, quella della nonna, brave persone, infaticabili lavoratori, e anche quella del giovane che l’ha investita. Chiedono silenzio e credo proprio che dobbiamo rispettare il loro dolore”.

Il prete non ha risparmiato però parole di critica. “Sappiamo tutti che la strada davanti all’istituto Nivola è molto trafficata e c’è pericolo per i bambini e per chi li accompagna e va a riprenderli a scuola. Più volte è stato fatto presente che servono i dissuasori per limitare la velocità. Se ci fossero stati, oggi non avremmo versato tante lacrime”.

ambulanza-cagliari-nonna Fonte foto: Ansa
,,,,,,,,