,,

Sea Watch, Strasburgo respinge il ricorso. Esulta Salvini

Il vicepremier: "Anche da Strasburgo si conferma la scelta di ordine, buon senso, legalità e giustizia dell’Italia"

È stato respinto, fa sapere il ministero dell’Interno, il ricorso presentato dai migranti soccorsi sulla Sea Watch alla Corte europea dei diritti umani di Strasburgo per chiedere all’Italia di consentire lo sbarco. “Anche da Strasburgo si conferma la scelta di ordine, buon senso, legalità e giustizia dell’Italia: porti chiusi ai trafficanti di esseri umani e ai loro complici. Meno partenze, meno sbarchi, meno morti, meno sprechi. Indietro non si torna”, ha commentato il vicepremier Matteo Salvini.

La Corte europea per i diritti umani di Strasburgo, in un comunicato, ha comunque “indicato al governo italiano che conta sulle autorità del Paese affinché continuino a fornire tutta l’assistenza necessaria alle persone in situazione di vulnerabilità a causa dell’età o dello stato di salute che si trovano a bordo della nave”.

In mattinata l’ultimo appello, diffuso sui canali social della ong, delle persone a bordo della Sea Watch 3, da 13 giorni in mare al largo di Lampedusa: “Non ce la facciamo più, qui siamo come in prigione, aiutateci a sbarcare presto, a mettere i piedi giù da questa barca”. “Siamo tutti stanchi, esausti, stremati – dice uno dei migranti – pensate ad una persona appena uscita di prigione e fuggita dalla Libia, che ora si trova qui seduta o sdraiata. Immaginatevi come debba sentirsi questa persona”.

Intanto don Luigi Ciotti, presidente dell’associazione Libera, ha lanciato un appello per far sbarcare i migranti: “Facciamoli scendere, si sta giocando una partita di civiltà. Si, civiltà. Perché quando viene meno il dovere di soccorso, un dovere che nasce dall’empatia fra gli esseri umani, dal riconoscerci gli uni e gli altri soggetti a un destino comune, viene meno il fondamento stesso della civiltà”.

VIRGILIO NOTIZIE | 25-06-2019 17:55

Salvini2 Fonte foto: Ansa
,,,,,,,