,,

Scomparsi a Piacenza, le ipotesi sul movente dell'omicidio

Secondo gli inquirenti, Elisa Pomarelli avrebbe cercato di chiudere il rapporto con Sebastiani

Già nella giornata di domani potrebbe tenersi l’interrogatorio di garanzia di Massimo Sebastiani, l’operaio 45enne accusato dell’omicidio di Elisa Pomarelli. A riportarlo è Tgcom24.

L’uomo è stato arrestato dai Carabinieri di Piacenza nella giornata di sabato 8 settembre, ed è stato proprio lui a far ritrovare il corpo della donna alla polizia. L’uomo non solo avrebbe confessato l’omicidio, ma le sue parole avrebbero anche portato all’arresto dell’ex suocero Silvio Perazzi, accusato in flagranza di reato per favoreggiamento personale. Gli inquirenti infatti sospettano che abbia aiutato l’operaio a eludere le ricerche, consentendogli di nascondersi.

Mentre continuano le indagini per chiarire ulteriori dettagli e si attende l’autopsia sul corpo, spunta una teoria sul movente: Elisa Pomarelli sarebbe stata uccisa perché voleva mettere fine alla sua frequentazione con Massimo Sebastiani. Secondo Tgcom24, è questa l’ipotesi al momento più accreditata secondo gli inquirenti di Piacenza che stanno indagando sulla morte dell’impiegata piacentina di 28 anni.

L’ipotesi di Gay Center sull’omicidio

“Elisa Pomarelli è stata uccisa due volte: come donna e come lesbica, perché ha rifiutato il suo assassino”. È questa la teoria di Fabrizio Marrazzo, portavoce del Gay Center, sulle ragioni dietro all’omicidio della 28enne di Piacenza. Ai microfoni di Tgcom24, il portavoce ha spiegato che si tratterebbe di “un femminicidio premeditato e compiuto come atto punitivo per Elisa, in quanto donna e lesbica”. Un movente per cui “l’assassino dovrebbe essere condannato due volte e giudicato senza alcuna attenuante”.

Marazzo ha poi concluso il suo discorso con un appello: “Quanto accaduto dimostra quanto siamo indietro sui diritti delle donne e delle persone lesbiche, gay e trans. È importante che al più presto venga approvata una legge contro l’omofobia, che preveda anche percorsi formativi e culturali dalla scuola primaria e nella società, per abbattere il pregiudizio e la discriminazione contro le donne e le persone lesbiche, gay e trans”.

VIRGILIO NOTIZIE | 08-09-2019 18:48

piacenza-omicidio Fonte foto: ANSA
,,,,,,,