,,

Scambio di vodka e lambrusco tra Berlusconi e Putin, Bruxelles: "Violate le sanzioni contro la Russia"

Lo scambio di regali tra Berlusconi e Putin rappresenta una violazione delle sanzioni contro la Russia: la posizione della Commissione europea

Pubblicato il:

Il presunto scambio di regali tra Silvio Berlusconi e Vladimir Putin è finito nel mirino della Commissione europea. Nelle scorse ore il mondo politico italiano è tato scosso dalle frasi del leader di Forza Italia su un riavvicinamento con Putin. Berlusconi ha parlato di un’amicizia forte e di uno scambio di regali: venti bottiglie di vodka da Putin, ricambiato da Berlusconi con una cassa di lambrusco. Ma così stando le cose, le bottiglie ricevute da Berlusconi violerebbero le sanzioni dell’Unione europea contro la Russia.

Il “giallo” dello scambio vodka-lambrusco

Lo scambio di regali è stato prontamente smentito da Forza Italia, ma l’audio rilanciato da LaPresse ha riportato in primo piano la questione. Antonio Tajani, che prima delle polemiche sul riavvicinamento Berlusconi-Putin era a un passo dalla poltrona di ministro degli Esteri, ha parlato di una “storia vecchia, risalente al 2008”.

In attesa di capire se lo scambio vodka-lambrusco sia recente o relativo a qualche anno fa, la Commissione europea ha già preso posizione sulla vicenda.

La Commissione: l’importazione di vodka dalla Russia è vietata

Arianna Podestà, portavoce della Commissione Europea per la Concorrenza, nel corso del briefing con la stampa a Bruxelles ha risposto a una domanda sulla questione.

“Il quinto pacchetto di sanzioni, concordato nell’aprile 2022, ha esteso il divieto di importazione di merci dalla Russia agli alcolici, compresa la vodka, tra gli altri. Non sono previste esenzioni per regali e/o quantità specifiche”, ha spiegato. ”

L’attuazione delle sanzioni è responsabilità degli Stati membri. La Commissione lavora con loro per sostenerli nell’applicazione”, ha aggiunto.

La vodka ricevuta da Berlusconi viola le sanzioni contro la RussiaFonte foto: ANSA
Un incontro tra Berlusconi e Putin risalente al 2015

Da valutare l’esportazione del lambrusco verso la Russia

Diversa, invece, la situazione del lambrusco che Silvio Berlusconi avrebbe inviato a Putin.

Già dal 2014 un regolamento europeo, aggiornato nel 2022 dopo l’invasione, stabiliva il divieto di vendita, fornitura, trasferimento o esportazione di beni di lusso elencati nell’allegato XVIII (che comprende il vino) a qualsiasi persona fisica o giuridica, entità o organismo in Russia o per l’uso in Russia, nella misura in cui il loro valore superi 300 euro per articolo”.

Arianna Podestà ha assicurato che la Commissione europea accerterà se lo scambio di regali tra Berlusconi e Putin (stando al racconto del Cavaliere) rappresenti una violazione delle sanzioni Ue contro la Russia.

vodka-sanzioni-berlusconi Fonte foto: 123RF
,,,,,,,,