,,

Sam Bankman-Fried, il fondatore di FTX arrestato alle Bahamas: le accuse al re delle criptovalute

Il re delle criptovalute, Sam Bankman-Fried, è stato arrestato alle Bahamas: in un solo giorno aveva bruciato circa 20 miliardi di dollari

Pubblicato il:

Sam Bankman-Fried, fondatore ed ex amministratore delegato di FTX, la piattaforma di trading di criptovalute in bancarotta, è stato arrestato alle Bahamas lunedì 12 dicembre. Il Governo americano ha notificato a quello caraibico di aver presentato accuse penali nei confronti del 30enne, che ora potrebbe essere estradato.

Le accuse e l’estradizione

Il procuratore distrettuale di New York, Damian Williams, ha accusato Sam Bankman-Fried di:

  • frode telematica;
  • frode in titoli;
  • associazione a delinquere finalizzata alla frode in titoli;
  • riciclaggio di denaro.

I dettagli dell’accusa sono stati rivelati dal ‘New York Times’.

sam bankman friedFonte foto: IPA
Sam Bankman-Fried

Martedì 13 dicembre, Sam Bankman-Fried comparirà davanti alla Corte magistrale di Nassau: il primo ministro delle Bahamas, Philip Davis, ha detto che il suo Paese e gli Usa “hanno un interesse comune nel ritenere responsabili tutti gli individui associati a FTX che potrebbero aver tradito la fiducia del pubblico e infranto la legge”.

In sostanza, si andrà verso l’estradizione – che sarà richiesta formalmente dagli Usa – non appena l’accusa a suo carico sarà resa pubblica.

Cos’è FTX

FTX, piattaforma di trading di criptovalute con sede alle Bahamas, è stata fondata nel 2019.

Lo scorso novembre ha presentato istanza di fallimento, con le conseguenti dimissioni di Sam Bankman-Fried.

Ccome riportato dall’Agi, i nuovi dirigenti della società si sono presentati poche settimane dopo al tribunale fallimentare del Delaware per dar via al processo.

Gli avvocati della nuova gestione e dell’attuale capo, John Ray, sostengono che una “quantità sostanziale” di beni dell’azienda è stata sottratta e che il precedente management soffrisse di una “totale assenza di controlli aziendali” e una mancanza di “informazioni finanziarie affidabili“.

Si stima che la piattaforma, che in passato aveva raggiunto una valutazione complessiva di 32 miliardi di dollari (febbraio 2022), abbia oltre un milione di creditori in tutto il mondo.

Al momento sono stati ammessi debiti per oltre 3 miliardi di dollari nei confronti dei suoi 50 principali creditori.

Il motivo del crack? Sam Bankman-Fried, proprio come i governi che avevano salvato le banche durante la crisi del 2008, aveva iniziato a estendere offerte di liquidità di emergenza alle aziende subito dopo il crollo da 60 miliardi dollari, all’inizio del 2022, della stablecoin TerraUSD.

Come provider di liquidità per FTX, Bankman-Fried ha usato la società AlamedaResearch (da lui stesso fondata nel 2017): è stata questa la probabile causa del crollo.

Chi è Sam Bankman-Fried

Sostenitore dei Democratici, vegano, residente alle Bahamas assieme a 10 coinquilini-colleghi, Sam Bankman-Fried è nato a Standford il 6 marzo 1992, figlio di due professori di Giurisprudenza della prestigiosa università della California.

Si è laureato in Fisica e Matematica al MIT nel 2014, dopodiché si è occupato di scambi di fondi d’investimento quotati in Borsa prima di passare al trading di criptovalute alla fine del 2017.

Dopo la fondazione di FTX si è piazzato al 60° posto nella classifica dei miliardari di tutto il mondo stilata da Forbes: si stima che avesse un patrimonio superiore ai 26 miliardi di dollari, prima del crollo.

sam-bankman-fried-arrestato Fonte foto: IPA
,,,,,,,,