,,

Da Salvini a Bonaccini, cresce il pressing per le riaperture

Salvini, Bonaccini, Patuanelli: si allarga il fronte di chi vuole alcune riaperture, a partire dai ristoranti anche a cena

Un inedito asse che unisce Lega, Partito Democratico e Movimento 5 Stelle: è quello rappresentato da diversi esponenti dei partiti che sostengono il governo Draghi e che si dicono d’accordo per una serie di riaperture, a partire dai ristoranti anche a cena.

A far partire il pressing per le riaperture è stato Matteo Salvini che dopo un incontro con il premier Mario Draghi è tornato a chiedere un cambio di passo rispetto al precedente governo: “Noi siamo per la tutela della salute, ma con interventi mirati e in questo c’è sintonia con il presidente Draghi e sono contento”.

Serve “attenzione, cautela, se ci sono terapie intensive occupate non si scherza con la salute della gente. Però – ha spiegato – alcune norme di buon senso, quelle sui ristoranti ad esempio mi sembrano palesi: se sono sicuri a pranzo, lo sono anche a cena. E poi alcune realtà iper controllate come le palestre piuttosto che i teatri, allora perché no?”.

Sulla stessa linea di Salvini sul tema delle riaperture il presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini.

“È ragionevole il discorso di Salvini quando dice di introdurre una maggiore flessibilità per alcune categorie, laddove i rischi sono minori. Ad esempio i ristoranti la sera, nelle città dove le cose vanno meglio”, ha detto l’esponente del Pd.

A favore delle riaperture dei ristoranti si è espresso anche il ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli. Intervenendo in streaming al Consiglio nazionale della Coldiretti, il politico M5S ha annunciato che “attraverso il comitato tecnico scientifico del ministero della Salute, stiamo lavorando a protocollo per consentire alla ristorazione la ripartenza”.

VirgilioNotizie | 23-02-2021 17:10

Covid, la strategia di Draghi per combattere la pandemia Fonte foto: ANSA
Covid, la strategia di Draghi per combattere la pandemia
,,,,,,,