,,

Salame Napoli ritirato per salmonella dai supermercati: quali sono i lotti richiamati e i rischi per l'uomo

Salame Napoli ritirato dagli scaffali dei supermercati per possibile presenza di salmonella: quali sono i lotti e cosa fare in caso di acquisto

Pubblicato il:

Rischio microbiologico. Il Ministero della Salute ha reso noto di aver richiamato del salame dai supermercati. Si tratta del Salame Napoli e il motivo è la possibile presenza, in 4 lotti, della salmonella. Ecco cosa fare nel caso in cui si siano acquistate le confezioni nei supermercati e quali sono i rischi nel caso si sia consumato il prodotto in questione.

Qual è il lotto a rischio salmonella

Il Ministero della Salute ha disposto il ritiro di 4 lotti, considerato a rischio microbiologico, il 6 febbraio 2024: riscontrata la possibile di salmonella.

Quello che si sa è che il marchio di identificazione dello stabilimento è IT210LCE e che il salame è stato prodotto da Salumificio Volpi, precisamente nello stabilimento di Collebeato, in provincia di Brescia. I lotti coinvolti sono:

  • L231220;
  • L231227;
  • L240103;
  • L240105.

salame napoli ritirato salmonellaFonte foto: Ministero della Salute

Uno dei salami ritirati per rischio microbiologico

Tutte le confezioni del lotto sono di 80 grammi e hanno come data di scadenza:

  • 8 febbraio 2024
  • 15 febbraio 2024
  • 22 febbraio 2024
  • 24 febbraio 2024.

Cosa fare se si è acquistato il salame ritirato

Se avete acquistato il lotto in questione, la raccomandazione delle autorità sanitarie è di non consumarne il contenuto.

Anzi, va riportato al punto vendita per richiederne la sostituzione o il rimborso.

Cosa si rischia con la salmonellosi

Come spiegato dal Ministero della Salute, la salmonellosi è una delle più frequenti patologie di origine alimentare nell’uomo.

Gli alimenti di origine avicola, uova e prodotti, in particolare, risultano essere le principali cause di infezione.

Le salmonellosi colpiscono mammiferi, uccelli, rettili e anfibi. I carnivori sono poco ricettivi.

Nell’uomo si manifesta perlopiù come enterocolite (infiammazione del tratto digestivo che coinvolge l’enterite dell’intestino tenue e la colite del colon).

La gravità della malattia è in relazione al sierotipo infettante, al numero di microrganismi ingeriti e a fattori di resistenza del paziente.

Soggetti a rischio sono:

  • anziani;
  • bambini;
  • donne in gravidanza;
  • individui affetti da anemia falciforme;
  • individui affetti da Hiv (per questi ultimi l’infezione da salmonella si manifesta anche con ricorrenti episodi di setticemia non tifoidea).

salmonella-salame-napoli-ritirato-supermercati Fonte foto: 123RF

Energia: aiuti di Stato per le aziende

,,,,,,,,