,,

Roma, fuggono dal centro rimpatri: tra loro sospetto terrorista

In seguito a una rivolta scoppiata nel centro di permanenza per i rimpatri, 13 stranieri sono fuggiti

A Roma, nella zona di Ponte Galeria, è scoppiata una rivolta al centro di permanenza per i rimpatri: dopo aver incendiato materassi e sfondato le porte della struttura, 13 stranieri si sono dati alla fuga. Tra loro, secondo quanto riporta Il Messaggero, ci sarebbe anche un algerino tenuto d’occhio dall’antiterrorismo.

L’individuo sospettato di attività terroristiche compare nella lista dei 478 soggetti sotto sorveglianza. Dopo aver scontato il carcere per altri reati, avrebbe mostrato di condividere le posizioni dello Stato Islamico. In seguito a ciò, la Digos di Roma l’ha comunicato al procutratore aggiunto Francesco Caporale, che coordina i magistrati della sezione antiterrorismo.

Il tumulto è stato sollevato venerdì sera, al centro rimpatri di Ponte Galeria, da parte di alcuni migranti in attesa di essere espulsi. Alcuni di loro, come riporta Il Messaggero, si sarebbero addirittura tagliati con delle lamette in cenno di protesta. Dopo la baraonda, fra porte scardinate e materassi bruciati, sono scappati adducendo la seguente motivazione: “Il cibo non è buono e abbiamo pochi cellulari a disposizione”. In 17 hanno tentato di fuggire ma solo in 13 sono riusciti a scavalcare la recinzione.

La procura aprirà un fascicolo d’indagine per danneggiamento. Non sarebbe possibile, infatti, contestare il reato di evasione in quanto i 13 stranieri non erano detenuti, ma in attesa di essere mandati via dall’Italia. Il provvedimento di espulsione per il momento sarà rimandato, o addirittura ritirato, in vista di un eventuale processo futuro.

 

VirgilioNotizie | 08-07-2019 11:24

cpr Fonte foto: ANSA
,,,,,,,