,,

Roma, neonata morta nel Tevere: le ipotesi degli investigatori

Il corpo della neonata è stato trovato nel Tevere nei pressi della località Centro Giano

Si continua a indagare a Roma dopo il ritrovamento nelle scorse ore del corpicino senza vita di una neonata nelle acque del Tevere poco prima della località Centro Giano, a sud del ponte sul Grande Raccordo Anulare.

A ritrovare la neonata, dalla carnagione bianca e di probabile origine caucasica, data alla luce viva nell’arco delle 24 ore precedenti il ritrovamento e con ancora il cordone ombelicale, è stato il pescatore d’anguille Cesare Bergamini. Come riporta “Il Messaggero”, l’uomo ha spiegato: “Dietro la nuca era tutta arrossata come se avesse i segni di un colpo, di una contusione”.

La neonata ha perso molto sangue, ma non è ancora chiaro se la piccola sia stata gettata in acqua ancora viva o se sia morta prima. Il medico legale, però, ha stabilito che ha respirato. Gli inquirenti procedono per omicidio colposo. Sono stati allertati tutti gli ospedali e i presidi sanitari che possano avere accettato nelle ultime 48 ore una donna con sintomi compatibili con un parto. Inoltre, sono stati già passati al setaccio gli accampamenti lungo il fiume e si stanno esaminando i filmati delle telecamere in prossimità di ponti e approdi.

L’ipotesi è che il corpicino sia stato gettato in acqua nella mattinata di ieri. Uno dei sospetti di chi indaga è che possa trattarsi di una prostituta a cui è stata sottratta, uccisa e gettata via la bimba appena venuta alla luce, per rimandarla subito in strada. Si indaga, però, anche per capire se possa trattarsi di una gravidanza non desiderata che ha spinto la mamma a disfarsi della figlia appena nata.

VirgilioNotizie | 07-07-2019 13:55

Roma, neonata morta nel Tevere: le ipotesi degli investigatori Fonte foto: Ansa
,,,,,,,