,,

Roberto Fiore e Giuliano Castellino: chi sono i leader di Forza Nuova

Chi sono Roberto Fiore e Giuliano Castellino, rispettivamente leader nazionale e romano di Forza Nuova

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Dodici persone sono state arrestate in seguito agli scontri che si sono verificati a Roma sabato 9 ottobre in occasione delle proteste contro il green pass. Tra di loro, ci sono anche Roberto Fiore e Giuliano Castellino, rispettivamente leader nazionale e leader romano di Forza Nuova.

Chi è Roberto Fiore

Nato a Roma il 15 aprile del 1959, Roberto Fiore è il leader nazionale e fondatore (assieme a Massimo Morsello) di Forza Nuova.

Nel manifesto di Forza Nuova si legge: “La radicale critica alla cultura dominante e la sua netta contrapposizione al cosiddetto mondo moderno, in nome di principi e valori perenni sui quali riedificare la Civiltà, fanno di Forza Nuova una realtà politico-ideale non assimilabile alle altre esistenti. Forza Nuova è l’avanguardia della Ricostruzione Nazionale fondata sulla fedeltà all’ordine naturale ed alle radici, indispensabili a garantirne il futuro dell’identità italiana ed europea in ogni suo aspetto. ‘Dio, Patria, Famiglia, Lavoro’ è il motto che declina i princìpi cardine dell’azione forzanovista.

Un mese fa, dopo un’altra protesta contro il green pass a Roma, Roberto Fiore aveva dichiarato sul sito di Forza Nuova: “‘I manifestanti sono pericolosi’ dicono in coro protagonisti e comparse di regime, ma la vera pericolosità di interesse nazionale è rappresentata da un sistema autoritario che sta forzando la mano con misure che nemmeno in Francia sono contemplate; da noi la tessera verde è già un permesso di lavoro senza alcuna finalità sanitaria. La lotta di popolo, però, non si ferma con la repressione”.

Chi è Giuliano Castellino

Giuliano Castellino, 45 anni, è il leader romano di Forza Nuova.

Il 26 agosto scorso è stato sorpreso in Curva Sud allo stadio Olimpico di Roma durante la partita di Conference League tra Roma e Trabzonspor del 26 agosto. Il suo commento riportato da ‘Ansa’: “Vero, sono andato allo stadio, ma senza Green pass e senza scaricare nessun green pass temporaneo, ma solo facendo un tampone dove si certificava la mia negatività. Anzi, invito tutti i tifosi a non fare il vaccino, né a scaricare il green pass, ma di continuare a seguire la propria squadra del cuore facendo un semplice tampone. Senza richiedere nessun green pass”.

Lo scorso 6 settembre, sul sito di Forza Nuova, Castellino aveva poi raccontato: “Questa mattina, alle 7, le nostre case sono state perquisite dalla Digos di Roma. Con il pretesto di un articolo 41 (Tulps per armi) ci hanno svegliato, sono entrati dentro casa nostra, violato la nostra intimità e ci hanno portato in Questura. Il tutto per far saltare la manifestazione in programma questa mattina fuori Montecitorio. D’altronde, gli ordini impartiti da Draghi e dal Ministro degli Interni, da Speranza e da Mattarella sono chiari: green pass, vaccini per tutti, repressione per gli oppositori”.

Poi aveva aggiunto: “Il Fronte di liberazione non fa passi indietro. Siamo quel passo in avanti che segna il cammino. Siamo quelli che non si piegano al politicamente corretto, al pensiero unico e alle logiche di partito. Per cosa paghiamo? Per aver infranto gli steccati ideologici, unito e difeso il popolo, cacciato via dalle piazze politicanti, anti questo e quello e amici del sistema. MAI UN PASSO INDIETRO. NESSUNA RESA!”.

Il 13 settembre è stato notificato a Giuliano Castellino il provvedimento Daspo “Fuori contesto”, misura di prevenzione adottata dal Questore di Roma, che ha disposto il divieto di accesso alle manifestazioni sportive per la durata di 5 anni con la prescrizione “di presentazione all’Ufficio di Polizia competente in occasione delle partite della Roma per due volte nel corso di ogni incontro”.

Roma, no green pass di nuovo in piazza: scontri con la polizia Fonte foto: ANSA
Roma, no green pass di nuovo in piazza: scontri con la polizia
,,,,,,,