,,

Emilia Romagna: Sala "insulta" Borgonzoni, Salvini risponde

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha attaccato la candidata del centrodestra alle regionali in Emilia Romagna Lucia Borgonzoni

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala, alla presentazione del programma del candidato dem alle regionali in Emilia Romagna Stefano Bonaccini, ha attaccato la candidata del centrodestra Lucia Borgonzoni.

Come riporta l’Ansa, Giuseppe Sala ha affermato: “In Emilia-Romagna bisogna votare Stefano Bonaccini perché è più bravo. Lucia Borgonzoni, per dirla alla milanese, non sa neanche da che parte è girata. Lasciamola a Roma con le sue sciocche t-shirt, è vergognoso che la destra possa essere rappresentata da una persona che è andata alla Camera con quella maglietta”.

Giuseppe Sala si è riferito alla maglietta indossata nei mesi scorsi dalla candidata leghista Lucia Borgonzoni, con scritto ‘Parlateci di Bibbiano‘. Poi si è rivolto anche a Matteo Salvini: “Dice che mi sono montato la testa, ma uno come me che ha lavorato 30-40 anni la testa non se la monta, semmai se la monta chi come lui è stato sempre sulle spalle del contribuente”.

Sala attacca Borgonzoni, la replica di Salvini

In conferenza stampa a Bologna, come riporta l’Ansa, è arrivata anche la replica di Matteo Salvini: “Noi parliamo di programmi, di cose da migliorare, di sanità, di famiglia, di sicurezza, vedo che a sinistra preferiscono l’insulto. Il sindaco della mia città è venuto qui a insultare Lucia Borgonzoni, la sua è una mancanza di rispetto. Noi non siamo qua per rispondere agli insulti, stiamo preparando l’Emilia Romagna che verrà”.

Sala attacca Borgonzoni, la reazione della Lega

Immediata la reazione anche da parte di altri esponenti della Lega, come Igor Iezzi: “La battuta sessista di Giuseppe Sala su Lucia Borgonzoni è l’esatta espressione del suo Pd: predica bene, ma razzola male. Troppo comodo riempirsi la bocca di tante belle parole a difesa delle donne in politica salvo poi bersagliarle con frasi vergognose e maschiliste. Giuseppe Sala pensi a fare il sindaco di Milano, se ne è capace, ma non si permetta più di utilizzare il machismo per insultare le avversarie politiche del suo partito”.

Anche Erika Stefani è intervenuta sull’argomento, come riporta l’Ansa: “Il sindaco di Milano invece che parlare di fatti, di idee, di programmi per l’Emilia Romagna ha solo insultato la nostra candidata Lucia Borgonzoni. Una caduta di stile che non lascia nulla all’immaginazione. Ha usato toni misogini, sessisti e violenti. Sappiamo bene che se gli insulti arrivano da sinistra il mainstream non ne parla, sembra infatti che gli insulti del Pd non facciano male alle donne. Oggi Beppe Sala non solo deve chiedere scusa a Lucia, donna forte, coraggiosa e preparata ma si deve anche vergognare!”.

VIRGILIO NOTIZIE | 30-12-2019 06:45

giuseppe-sala-bonaccini Fonte foto: ANSA
,,,,,,,