,,

Regionali, la decisione del M5S: chi è il candidato in Calabria

Cosa è stato deciso nella riunione tra Luigi Di Maio e i coordinatori regionali del M5S

“Presenza del Movimento 5 Stelle con liste civiche collegate e nessuna alleanza con il Partito democratico”. È quanto ha annunciato il deputato Paolo Parentela, uno dei coordinatori regionali M5s, al termine della riunione avuta oggi con il capo politico Luigi Di Maio sulle prossime elezioni regionali in Emilia-Romagna e Calabria, alla luce del risultato del voto sulla piattaforma Rousseau.

Oltre a Parentela per la Calabria c’era per l’Emilia Romagna il consigliere regionale Andrea Bertani e il senatore Gabriele Lanzi. “In sinergia abbiamo concordato – ha detto Parentela all’Ansa – le linee principali della nostra campagna elettorale: presenza del Movimento con liste civiche collegate e nessuna alleanza con il Partito democratico”.

“Dopo l’esito del voto sulla piattaforma Rousseau, riteniamo che sia indispensabile e doveroso impegnarci al massimo per rispettare la volontà degli iscritti e per costruire con gli attivisti e con chiunque intenda collaborare un programma innovativo a partire dai nostri temi caratterizzanti”, ha spiegato il deputato.

A tal riguardo, assicura il parlamentare, “compiremo ogni sforzo per presentare candidati di alto profilo e comprovata competenza, persone pulite e motivate che sappiano intercettare la fiducia degli elettori e poi portarne avanti le istanze, intanto di rinnovamento concreto”.

Regionali, il candidato M5S in Calabria

Secondo quanto riferisce l’Ansa, ul candidato del Movimento 5 Stelle alla presidenza della Regione Calabria sarà il docente universitario Francesco Aiello. Lo riferiscono fonti del M5s calabrese, secondo le quali la candidatura di Aiello sarà ufficializzata a breve.

Aiello, docente di Politica economica all’Università della Calabria e fondatore del portale di economia “Open Calabria”, si é preso qualche giorno per sciogliere la riserva sull’accettazione della proposta di candidatura.

Di Maio: “Regionali non sono voto di fiducia sul governo”

“Io vedo tanta paura legata agli effetti sul governo: ma se siamo il M5s dobbiamo ricordare a tutti i cittadini che le elezioni regionali in Emilia Romagna non sono un voto di fiducia sul governo: nessun partito deve farsi pendere da questa teoria, perché è sbagliata”. Così il capo politico del M5s, Luigi Di Maio, ai cronisti presenti a Castelvetrano (Tp), prima tappa del suo tour in Sicilia.

Parlando del voto sulla piattaforma Rousseau, il ministro degli Esteri ha dichiarato che “È stato un grande esercizio di democrazia e di prova di forza dei nostri iscritti. Il messaggio arrivato è no tatticismi, no manovre di palazzo, noi siamo il M5s ci presentiamo alle elezioni regionali”.

“Col voto di ieri il M5s ci ha detto a Roma c’è il governo, ma sul territorio c’è il movimento: e non possiamo asservire il M5s alle logiche del governo. Senza gli attivisti che votano e chi lavora sul territorio noi non saremo a Roma, nell’Europarlamento e nei Consigli regionali”, ha spiegato Di Maio.

“Evidentemente andiamo da soli in quelle regioni – ha detto Di Maio-. Lunedì mattina sarò in Calabria e in Emilia Romagna nel pomeriggio: iniziamo. Io come tutti gli altri ci mettiamo al servizio del progetto. Non so quanto prenderemo in queste Regioni, ma lavoreremo per mettere qualche consigliere regionale nei Consigli”.

Bonaccini: “Il M5S non governa in nessuna regione”

“In Emilia-Romagna vinceranno o Stefano Bonaccini o Lucia Borgonzoni. Il M5s non governa in nessuna regione italiana: credo che una domanda se la debbano porre rispetto alla capacità di condizionare le politiche del territorio”. Lo ha detto il presidente uscente della Regione Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, candidato per il bis, ai microfoni di Radio1.

“Credo ci siano più cose che ci uniscono rispetto a quelle che ci dividono. Ma sta a loro la scelta – ha detto Bonaccini parlando dei Cinquestelle-. Non ho mai condiviso l’idea di fare alleanze solo per battere gli avversari. Si prendono in giro gli elettori”.

“Se ci si vuole sedere per trovare un accordo programmatico bisogna farlo e vedere se ci sono spunti per dare un futuro ancora migliore all’Emilia Romagna. Se vorranno andare per la loro strada, amici come prima, avversari leali, ma secondo me si schiacceranno in una polarizzazione tra noi e la Lega”, ha concluso il governatore emiliano.

VIRGILIO NOTIZIE | 22-11-2019 16:25

M5S e voto Rousseau su Regionali: reazioni da Di Maio a Salvini Fonte foto: Ansa
M5S e voto Rousseau su Regionali: reazioni da Di Maio a Salvini
,,,,,,,