,,

Reddito di cittadinanza a 20 mafiosi: Gdf sequestra 330mila euro

Diversi componenti di clan mafiosi di Messina sono stati denunciati dalla Guardia di Finanza per avere intascato il Reddito di cittadinanza

La Guardia di Finanza ha sequestrato 330mila euro percepiti illegittimamente col Reddito di cittadinanza, ad oltre venti boss condannati per mafia e ai loro familiari. I militari delle Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Economico di Messina hanno eseguito il decreto di sequestro emesso dal gip della città dello Stretto che ha accolto la richiesta della Procura guidata dal procuratore Maurizio de Lucia. Lo riporta Ansa.

I 25 denunciati fanno parte dei clan di maggiore peso di Messina e provincia come Santapaola-Romeo, Sparacio, Spartà, Galli, Batanesi-Bontempo Scavo, De Luca, Mangialupi, Camaro, Tortoriciani, Ventura, Ferrante e Cintorino.

Una delle condizioni per ottenere il reddito di cittadinanza è che i nuclei familiari che ne fanno richiesta, non abbiano al loro interno precedenti nell’ultimo decennio, con sentenza passata in giudicato, per reati di mafia al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, siano in possesso dei requisiti di cittadinanza, residenza e soggiorno, reddituali e patrimoniali previsti dalla legge.

I mafiosi indagati dalla Finanza sono stati condannati a vario titolo per estorsione, usura, traffico di sostanze stupefacenti, voto di scambio, maltrattamento e organizzazione di competizioni non autorizzate di animali.

VirgilioNotizie | 23-12-2020 08:32

guardia-di-finanza Fonte foto: ANSA
,,,,,,,