,,

Rapporto Censis 2021: per 3 milioni di italiani il Covid non esiste e la Terra è piatta

Il Covid non esiste per tre milioni di italiani. La fotografia dell'Italia che emerge dal rapporto Censis 2021

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Per il 5,9% degli italiani – circa 3 milioni di persone – il Covid-19 non esiste e per il 10,9% il vaccino contro il coronavirus è inutile. Non solo: il 5,8% degli italiani è convinto che la Terra è piatta. Sono alcuni dei dati che emergono dal 55° Rapporto sulla situazione sociale del Paese redatto dal Censis e che evidenziano “un’onda di irrazionalità“, pregiudizi antiscientifici e “una fuga fatale nel pensiero magico”.

Rapporto Censis, irrazionalità e teorie cospirazionistiche

Dall’irrazionalità antiscientifica al negazionismo storico, passando per la paura della tecnologia alle teorie cospirazioniste: in una fetta della popolazione italiana, in certi casi anche consistente, “si osserva una irragionevole disponibilità a credere a superstizioni premoderne, pregiudizi antiscientifici, teorie infondate e speculazioni complottiste”, si legge nel rapporto Censis 2021.

Se il 10% è convinto che l’uomo non sia mai sbarcato sulla Luna, c’è il 19,9% degli italiani, praticamente un quinto della popolazione, che considera il 5G uno strumento molto sofisticato per controllare le menti delle persone.

Oltre un terzo degli italiani, il 39,9%, crede alla teoria cospirazionistica della sostituzione etnica: identità e cultura nazionali spariranno a causa dell’arrivo in massa dei migranti, voluto per interesse da presunte elite globaliste.

Questa onda di irrazionalità, scrive il Censis, è “la spia di qualcosa di più profondo: le aspettative soggettive tradite provocano la fuga nel pensiero magico. Siamo nel ciclo dei rendimenti decrescenti degli investimenti sociali. Per l’81% degli italiani oggi è molto difficile per un giovane ottenere il riconoscimento delle risorse profuse nello studio”.

Rapporto Censis, boom della povertà

Per quanto riguarda l’economia, il rapporto Censis evidenzia un vero e proprio boom della povertà: nel 2020 2 milioni di famiglie italiane vivono in povertà assoluta, con un aumento rilevante (+104,8%) rispetto al 2010 (980.000). L’aumento è sostenuto soprattutto al Nord (+131,4%; +67,6% Centro e +93,8% Sud). Tra le famiglie cadute in povertà assoluta durante il primo anno di pandemia, il 65% risiede al Nord (21% nel Mezzogiorno, 14% al Centro).

Il rapporto evidenzia anche come la pandemia abbia accentuato il senso di vulnerabilità: il 40,3% degli italiani si sente insicuro pensando alla salute e alla futura necessità di dover ricorrere a prestazioni sanitarie.

“Solo il 15,2% degli italiani ritiene che dopo la pandemia la propria situazione economica sarà migliore. Per la maggioranza (il 56,4%) resterà uguale e per un consistente 28,4% peggiorerà”. si legge nel rapporto.

“La ricchezza complessiva delle famiglie è pari a 9.939 miliardi di euro. Il patrimonio in beni reali ammonta a 6.100 miliardi (il 61,4% del totale), depositi e strumenti finanziari valgono 4.806 miliardi (al netto delle passività finanziarie, pari a 967 miliardi, corrispondono al 38,6% della ricchezza totale). Ma nell’ultimo decennio (2010-2020) il conto patrimoniale degli italiani si è ridotto del 5,3% in termini reali, come esito della caduta del valore dei beni reali (-17,0%), non compensata dalla crescita delle attività finanziarie (+16,2%)”.

“Gli ultimi dieci anni – spiega il Censis – segnano quindi una netta discontinuità rispetto al passato: si è interrotta la corsa verso l’alto delle attività reali che proseguiva spedita dagli anni ’80. La riduzione del patrimonio, esito della diminuzione del reddito lordo delle famiglie (-3,8% in termini reali nel decennio), mostra come si sia indebolita la capacità degli italiani di formare nuova ricchezza”.

Covid situazione contagi in Europa e in Italia: la mappa dell'Ecdc. I colori delle regioni italiane Fonte foto: ANSA
Covid situazione contagi in Europa e in Italia: la mappa dell'Ecdc. I colori delle regioni italiane
,,,,,,,