,,

Ragazzo cade nella tromba delle scale e muore dopo cinque giorni di agonia, ignota la dinamica

Simone Ponzoni aveva 19 anni. Una sera, nel rincasare, è caduto nella tromba delle scale. Trasportato in ospedale è morto dopo 5 giorni di agonia

Pubblicato il:

È morto dopo cinque giorni di agonia Simone Ponzoni, il ragazzo di 19 anni che lo scorso 5 dicembre è caduto nella tromba delle scale del palazzo in cui abitava a Padova. Ancora ignota la dinamica degli eventi.

Caduta da 10 metri di altezza

Erano quasi le 20:00 di lunedì 5 dicembre e Simone Ponzoni si stava ritirando a casa, nell’appartamento del quartiere Armistizio in cui viveva con il padre a Padova.

Simone non aveva con sé le chiavi e il papà non era in casa, così aveva citofonato ad alcuni vicini per farsi aprire il portone.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Simone è salito fino al terzo piano. Poi la luce nella scala, che funziona con un timer, è scattata lasciando le scale nella totale oscurità.

Pochi attimi dopo si è sentito un forte tonfo che ha messo in allarme i vicini. Simone è stato trovato lì, nell’androne condominiale davanti al portone di ingresso, privo di conoscenza dopo una caduta da un’altezza di 10 metri.

Immediato il trasporto all’ospedale di Padova, dove il 19enne è morto nella mattinata di sabato 10 dicembre, dopo cinque giorni di agonia.

Dramma a Firenze, bimba muore in casa a 7 mesi: inutili i soccorsi. Cos'è la sindrome della morte in cullaFonte foto: iStock

Il commento di un vicino

Il ‘Corriere della sera’ riporta l’amaro commento di un vicino di casa di Simone, Marco Dall’Ara, inquilino del primo piano: “Non si può morire così, a nemmeno vent’anni. Io non ero in casa quella sera, sono rientrato e ho subito visto i poliziotti. Non so davvero come sia potuta succedere una simile tragedia”.

Ignota la dinamica degli eventi

I rilievi della polizia non hanno potuto chiarire la dinamica degli eventi. Ciò che si sa è che Simone era verosimilmente solo al momento della tragedia.

Gli inquirenti non sono in grado di determinare se ciò che è accaduto sia un drammatico incidente o se dietro ci possa essere un gesto disperato.

Il padre, raggiunto dai giornalisti, non ha voluto rilasciare dichiarazioni: “Vi prego, lasciatemi stare, non ho la forza di parlare”.

ambulanza Fonte foto: 123RF
,,,,,,,,