,,

Rachele, la pilota di rally che corre contro la fibrosi cistica

#Correreperunrespiro è il progetto che porta avanti per sensibilizzare l'opinione pubblica e raccogliere fondi per la ricerca: questa la sua storia

Rachele Somaschini ha 25 anni e potrebbe essere considerata una “donna di mezza età”: chi ha la sua stessa patologia, la fibrosi cistica, ha infatti un’aspettativa di vita di circa 40 anni. Rachele però non si riconosce proprio in questo ritratto: è una pilota di rally e trasuda energia e grinta da ogni poro.

La sua missione è quella di far conoscere la malattia con la quale è nata e portare fondi alla ricerca, grazie alla quale la qualità della vita sua e di molti altri malati è migliorata: per questo è nato il progetto #Correreperunrespiro, un’iniziativa che ha già portato 130mila euro al progetto d’eccellenza Task Force For Fibrosis e che sfrutta la visibilità di Rachele per sensibilizzare l’opinione pubblica.

La fibrosi cistica è una malattia genetica che affligge circa 100mila persone nel mondo, di cui 4.500 in Italia: comporta problemi respiratori e digestivi e costringe chi la vive a spendere ore e ore in terapie. Lo spauracchio di chi è malato di fibrosi cistica, spiega Rachele, sono i batteri: un’infezione può comportare lunghe cure antibiotiche e ricoveri. La sua migliore amica, Angelica, anche lei malata di fibrosi cistica, non ce l’ha fatta: è morta per le complicazioni di un trapianto polmonare, l’ultima spiaggia per chi soffre di questa patologia.

La lezione di Rachele è quella di non arrendersi e di non abbattersi mai, neanche di fronte alle difficoltà che sembrano più insormontabili: e lo racconta quotidianamente, tramite i social, ai suoi oltre 30mila follower.

 

 

VIRGILIO NOTIZIE | 06-09-2019 10:43

,,,,,,,