,,

Violenza sessuale, figlio di Grillo a processo? Cosa rischia

Il figlio di Beppe Grillo, Ciro, rischia di andare a processo: l'accusa è di violenza sessuale di gruppo, potrebbe finire in carcere per diversi anni

Ciro Grillo, il figlio 20enne di Beppe Grillo, è accusato di violenza sessuale dalla procura di Tempio Pausania (Sassari) insieme ad altri tre ragazzi di Genova: secondo i magistrati avrebbero costretto una ragazza ad avere rapporti sessuali di gruppo, approfittando delle sue condizioni “di inferiorità psicologica e fisica” di quel momento. L’impianto accusatorio è stato ricostruito dall’Adnkronos.

Violenza sessuale, il figlio di Grillo a processo: cosa rischia

Secondo gli inquirenti Ciro Grillo e i suoi tre amici avrebbero costretto una ragazza “ad avere rapporti sessuali in camera da letto e nel box del bagno”.

L’avrebbero anche “afferrata per la testa” costringendola “a bere mezza bottiglia di vodka” e “ad avere rapporti di gruppo”, approfittando “delle sue condizioni di inferiorità psicologica e fisica” di quel momento.

Questa l’accusa, nero su bianco, a carico del figlio del garante del Movimento 5 Stelle e dei suoi tre amici: Edoardo Capitta, Francesco Corsiglia e Vittorio Lauria.

La vittima della violenza sarebbe una ragazza di 19 anni, studentessa italo-svedese: i fatti risalirebbero alla notte tra il 15 e il 16 luglio 2019 nella villa in Costa Smeralda di proprietà di Grillo.

Come si legge nelle carte della Procura “il residence è stato individuato grazie a un selfie scattato” dalla giovane ragazza ed “è riconducibile a Beppe Grillo”.

A novembre 2020 si sono chiuse le indagini, mentre nei giorni scorsi sono stati interrogati i quattro indagati: hanno respinto tutte le accuse e hanno parlato di “sesso consenziente di gruppo”. Ma i pm non gli credono.

Per l’accusa è stata “violenza sessuale di gruppo“, e per dimostrarlo hanno allegato la cruda ricostruzione della ragazza, che ha raccontato di essere stata stuprata a turno.

Si attende, entro la fine di aprile, la richiesta di rinvio a giudizio negli uffici del gup del tribunale di Tempio Pausania, guidato dal magistrato napoletano, Giuseppe Magliulo.

Il reato di violenza sessuale di gruppo è punito con la reclusione da 8 a 14 anni.

La 19enne è difesa dall’avvocata Giulia Bongiorno, in queste ore a Palermo per difendere Matteo Salvini nell’udienza preliminare relativa al caso Open Arms.

Violenza sessuale, il figlio di Grillo rischia il processo: la ricostruzione dell’accusa

Gli investigatori, attraverso i racconti della vittima e di alcuni testimoni, hanno ricostruito la serata in cui si sarebbero consumate le violenze.

Ciro Grillo e i suoi tre amici, dopo una nottata al Billionaire, verso l’alba avrebbero lasciato il locale con due giovani studentesse milanesi.

Le ragazze avrebbero seguito i quattro giovani nella villa di Beppe Grillo, in Costa Smeralda. Su quanto accaduto dopo ci sono due versioni:

  • la ragazza ha raccontato di essere stata stuprata “cinque o sei volte” dopo che l’amica si è addormentata;
  • la versione fornita dai ragazzi è del tutto diversa e fa leva sulla natura “consenziente” del rapporto.

La ragazza non ha denunciato la violenza subìta in Sardegna, bensì al rientro a Milano, quando ha raccontato quanto avvenuto durante una visita alla clinica Mangiagalli.

VirgilioNotizie | 17-04-2021 10:12

Ciro Grillo e il presunto stupro: la vicenda Fonte foto: ANSA
Ciro Grillo e il presunto stupro: la vicenda
,,,,,,,