,,

Prezzi carburante al ribasso, gasolio e benzina in calo e al minimo annuo: i numeri aggiornati sui costi

Con i prezzi medi dei carburanti in calo, la benzina ha toccato il suo minimo annuo (ma non grazie agli interventi statali): ecco i costi aggiornati

Pubblicato il:

Il ponte dell’Immacolata ha portato un po’ di serenità agli italiani in viaggio, grazie ai prezzi dei carburanti che continuano il loro ribasso. La benzina, in calo come il gasolio, ha raggiunto il minimo annuo, scendendo sotto la soglia di 1,8 euro al litro. E senza l’aiuto degli investimenti statali, né del prezzo medio nazionale esposto.

Benzina e gasolio: i prezzi

Finalmente, con l’avvicinarsi della fine dell’anno, gli automobilisti tornano a vedere il prezzo della benzina scendere al di sotto di 1,80 euro al litro. Anche il gasolio è diminuito rispetto ai livelli di fine luglio-inizio agosto, con il self service che è sceso a 1,773 euro al litro.

Secondo le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all’Osservatorio prezzi del ministero delle Imprese e del made in Italy ed elaborati dalla Staffetta infatti, il prezzo medio della benzina al self service ha toccato quota 1,798 euro/litro (-2 millesimi, compagnie 1,799, pompe bianche 1,796).

Prezzi carburante al ribasso, gasolio e benzina in calo e al minimo annuo: i numeri aggiornati sui costiFonte foto: 123RF
Automobilista intento a fare rifornimento alla propria vettura, in una immagine di archivio

Secondo l’Unione Nazionale consumatori, nell’ultimo mese un litro di benzina self costa meno di circa 6 cent (facendo quindi registrare un calo del 3,1%), ovvero un totale di 2 euro e 86 cent per un pieno di 50 litri. Maggiore è invece la riduzione per il gasolio, il cui ribasso è di oltre 7 cent al litro (facendo segnare un -4%), pari a 3 euro e 72 cent a rifornimento.

I prezzi per il servito e in autostrada

Ovviamente maggiori i prezzi per i carburanti serviti, con la media della benzina fermatasi a 1,940 euro/litro (-2, compagnie 1,978, pompe bianche 1,862). Il diesel servito è arrivato invece a 1,914 euro/litro (-2, compagnie 1,954, pompe bianche 1,833).

Per quanto riguarda i “gas”, il Gpl servito sta a 0,719 euro/litro (-1, compagnie 0,727, pompe bianche 0,710), il metano servito a 1,455 euro/kg (-2, compagnie 1,458, pompe bianche 1,453), e il Gnl 1,411 euro/kg (-16, compagnie 1,429 euro/kg, pompe bianche 1,397 euro/kg).

Prezzi maggiori si possono invece trovare in autostrada: benzina self service 1,888 euro/litro (servito 2,154), gasolio self service 1,865 euro/litro (servito 2,137), Gpl 0,848 euro/litro, metano 1,542 euro/kg, Gnl 1,447 euro/kg. Queste le quotazioni dei prodotti raffinati in Mediterraneo alla chiusura di ieri: benzina a 541 euro per mille litri (+7 valore arrotondato), diesel a 624 euro per mille litri (+1 valore arrotondato).

Un calo che non dipende dallo Stato

E nonostante le previsioni avessero già annunciato un probabile calo del prezzo medio nazionale della benzina proprio al di sotto di 1,80 euro al litro, per le associazioni di categoria è opportuno mettere alcuni puntini sulle i.

Secondo Carlo Rienzi, presidente del Codacons, gli interventi statali “con le infinite giravolte sui cartelli con i prezzi medi, hanno solo creato ulteriore confusione e sono serviti solo per dare l’idea che l’esecutivo facesse qualcosa contro il caro-carburante”.

“La verità è che il calo attuale dei prezzi dipende unicamente dalle quotazioni internazionali, che stanno trainando i listini italiani e garantendo una fase di quiete agli italiani. La volatilità del mercato dei carburanti è ancora elevata, e ci si può quindi ancora attendere rialzi improvvisi, specie condizionati dalla situazione geopolitica internazionale”, ha poi concluso il presidente.

Carburanti si cambia, al distributore le etichette 'green' Fonte foto: 123RF

Hai bisogno di etichette personalizzate?

,,,,,,,,