,,

Presunto stupro di Capodanno a Milano: ragazza di 20 anni si sveglia nel letto con un uomo ma non ha ricordi

Secondo il racconto della giovane, un ecuadoregno di 35 anni avrebbe abusato di lei. Si indaga per chiarire i contorni della presunta violenza sessuale

Pubblicato il:

Una ragazza di 20 anni in visita a Milano per festeggiare il Capodanno ha denunciato di essere stata vittima di uno stupro. La giovane si è risvegliata accanto a un uomo, ma aggiunge di non ricordare cosa sia successo durante la notte.

Ipotesi violenza sessuale a Milano

La chiamata ai carabinieri è arrivata nella mattinata del 31 dicembre. La giovane che denuncia di essere stata stuprata era arrivata il giorno prima per vedere un’amica e passare il Capodanno insieme a lei.

Secondo il suo racconto, durante la serata di sabato 30 si era recata in zona Navigli per passare qualche ora immersa nella movida milanese.

I Navigli di MilanoFonte foto: ANSA
I Navigli, nella zona sud e sud-ovest di Milano, sono uno dei luoghi della movida cittadina.

Lì la ragazza avrebbe conosciuto un uomo più grande. L’indomani mattina si è risvegliata a letto nella camera del suo residence insieme a lui, ma non ricorda nulla di quanto accaduto.

L’uomo, secondo la denuncia, avrebbe ammesso di avere avuto un rapporto sessuale con lei e si sarebbe rivestito velocemente per poi andarsene.

Presunta vittima in ospedale per accertamenti

La giovane sospetta di avere ingerito inconsapevolmente sostanze che ne hanno ridotto o azzerato la capacità di intendere e di volere.

Dopo una visita alla clinica Mangiagalli è stata dimessa senza giorni di prognosi.

Gli accertamenti dei carabinieri sono partiti immediatamente: nel giro di alcune ore i militari hanno rintracciato un uomo di 35 anni che è stato identificato e sottoposto a interrogatorio.

Il presunto autore della violenza è un ecuadoregno domiciliato in provincia di Milano.

Si cercano tracce della droga dello stupro

L’uomo non è stato sottoposto a misure cautelari, in attesa degli esiti degli accertamenti sanitari eseguiti alla Clinica Mangiagalli.

Per formulare eventuali capi di accusa si attende anche di capire se alla ragazza siano state somministrate sostanze come il Ghb, comunemente noto come “droga dello stupro”. Le indagini sono in corso.

Presunto stupro a Milano Fonte foto: iStock - ChiccoDodiFC

Energia: aiuti di Stato per le aziende

,,,,,,,,