,,

Pd, l'ipotesi sul successore di Zingaretti dopo le Regionali

Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, alla riunione con i dirigenti del Pd all'abbazia di Contigliano, ha sollevato un quesito

Il segretario del Pd, Nicola Zingaretti, alla riunione con i dirigenti del partito all’abbazia di Contigliano, ha sollevato un quesito. Come riporta Libero Quotidiano, avrebbe detto: “Siamo di fronte a un grande giro di boa. Tutto dipende da cosa succede il 26 gennaio. Se vinciamo in Emilia Romagna ci sarà un percorso, se perdiamo, un altro”.

Il voto in Emilia Romagna rappresenterà quindi un momento di svolta per la regione, per gli equilibri politici del Paese e per il Pd stesso. Un sentimento confermato dalle intenzioni di Zingaretti di rinnovare il partito, come annunciato qualche giorno fa.

Ma secondo quanto riferisce Libero Quotidiano, se il Pd dovesse uscire sconfitto dalle elezioni in Emilia Romagna c’è chi potrebbe mettere in discussione la leadership di Zingaretti. E addirittura si ipotizza che lo stesso Zingaretti possa farsi da parte.

L’ipotesi dopo le Regionali

Spuntano anche i primi nomi per un eventuale sostituto dell’attuale segretario del Pd. Per la corrente degli ex renziani, un valido successore potrebbe essere Giorgio Gori, sindaco di Bergamo, che alcuni sondaggi definiscono il sindaco più amato d’Italia.

Chi è Giorgio Gori

Giorgio Gori, marito della giornalista e conduttrice Cristina Parodi e con un passato come produttore televisivo, incarnerebbe, stando al pensiero degli ex renziani riportato da Libero Quotidiano, il giusto contraltare per Zingaretti in quanto potrebbe dare una svolta più riformista al Pd, rispetto a quella più “laburista”.

VIRGILIO NOTIZIE | 14-01-2020 13:30

Redditi: chi sono i politici più ricchi, tra sorprese e conferme Fonte foto: ANSA
Redditi: chi sono i politici più ricchi, tra sorprese e conferme
,,,,,,,