,,

Papa Francesco, dure accuse dal cardinale Becciu: "Vuole la mia morte", il contenuto della chat che lo inguaia

Il Cardinale Becciu sarebbe stato intercettato mentre riferisce che Papa Francesco lo vuole morto: il contenuto della chat riportata dalla Finanza

Pubblicato il:

In Vaticano continua a tenere banco il caso Becciu: il cardinale, già al centro di un processo iniziato a luglio 2021, in una chat ha infatti affermato che Papa Francesco lo voleva morto. Nell’informativa dei finanziari, anche altre frasi “colorate” che inguaiano il porporato.

Le chat del cardinale Becciu su Papa Francesco

Rischia di peggiore ulteriormente la posizione del cardinale Becciu agli occhi dei fedeli e dell’opinione pubblica: le chat raccolte dalla Finanza di Oristano, trasmesse su rogatoria del Vaticano e rese note da Adnkronos, contengono numerosi elementi critici specie nei confronti di Papa Francesco.

Il passaggio più clamoroso risale allo scorso 22 luglio 2021. Dopo lo scandalo del 24 settembre 2020, ad aprile 2021 il Pontefice ha tolto diritti e prerogative del cardinalato a Becciu con motu proprio. Nella chat, Becciu scrive che il Papa “vuole la mia morte“.

Papa Francesco e Angelo BecciuFonte foto: IPA
Il cardinale Angelo Becciu e Papa Francesco, in una foto insieme risalente a giugno 2018

La destinataria è Giovanna Pani, compagna del fratello alla quale scrive anche: “Mai avrei immaginato, non (che) un Papa ma un uomo arrivasse a tanto”. Lei ribatte affermando che Bergoglio sarebbe “un grande vigliacco“.

La trappola per incastrare Bergoglio

Il passaggio citato dall’agenzia è particolarmente significativo perché avviene solo due giorni prima che Giovanni Angelo Becciu tentasse, con la complicità della figlia di Giovanna Pani (Maria Luisa Zambrano) di registrare di nascosto una telefonata con Papa Francesco.

L’intento era quello di spingere il Capo di Stato Vaticano ad ammettere di essere stato proprio lui ad autorizzare quei pagamenti per i quali è sotto processo – ovvero la compravendita del palazzo londinese a 20 milioni di euro e l’uso dei fondi della Segreteria di Stato.

Le chat sono state acquisite tramite i cellulari sequestrati dalla Finanza e “seppur non appaiano fornire fonti di prova di fatti costituenti reato”, per gli inquirenti “descrivono l’habitat (maturato nella cerchia dei familiari e dei più stretti congiunti degli odierni indagati) nel quale l’argomento del processo vaticano al cardinale Angelo Becciu viene trattato”.

Dal “colpo in testa” a Dan Brown: i passaggi della chat

Becciu è stato il primo porporato per il quale Papa Francesco ha autorizzato un processo in Vaticano e il suo scandalo continua a tenere banco. Nelle chat rese note in queste ore, oltre a prove audio per “incastrare” il Papa emergono altri dettagli.

Tra espressioni colorite in sardo, il 13 luglio 2021 Becciu ha scritto nella chat coi familiari: “Buongiorno! Un bel programma per oggi”, messaggio al quale uno degli utenti del gruppo ha risposto con “Un colpo in testa al Papa“. “Non ci riesco” ha ribattuto il cardinale e lo stesso utente ha poi ribadito: “Lo facciamo noi”.

Becciu, inoltre, in un altro passaggio reso noto dall’informativa ha citato Dan Brown, celebre scrittore e autore de Il Codice da Vinci e Angeli e Demoni. “Dan Brown è nulla, la realtà supera la fantasia” ha scritto nella chat il cardinale. Per essere un film, sottolinea qualcuno, “Manca il morto”. Poi la frase shock: “Facciamo tornare in paese Angelino e ci mettiamo una bomba, più di uno di morto“.

papa-francesco-cardinale-becciu Fonte foto: IPA
,,,,,,,,