,,

Ostaggi israeliane di Hamas attaccano Netanyahu in video per scambio prigionieri: “Paghiamo il tuo fallimento"

Tre donne ostaggi di Hamas hanno accusato Netanyahu di averle abbandonate. Nel video chiedono di essere liberate attraverso uno scambio di prigionieri

Pubblicato il:

Il video delle donne in ostaggio di Hamas sta facendo il giro del mondo. Gli unici media che non lo stanno mostrando sono quelli israeliani. Il motivo è racchiuso nel minuto e 15 secondi del video, in cui le donne accusano direttamente il governo israeliano e il premier Netanyah di pagare per loro fallimento. Le accuse sono durissime e non sono neanche le prime da parte degli ostaggi rilasciati da Hamas, che raccontano una verità scomoda a Israele: il poco impegno per la salvaguardia e il recupero dei civili israeliani prigionieri a Gaza.

Il video delle donne ostaggio di Hamas

Hamas ha diffuso un video delle prigioniere che si rivolgono direttamente al loro leader, ovvero Benjamin Netanyahu. Nel video, lungo poco più di un minuto, le tre donne prigioniere hanno detto che l’esercito israeliano non le ha protette il 7 ottobre.

Il discorso sta facendo il giro del mondo, perché conferma una verità scomoda per Israele: la poca cura per gli israeliani presi in ostaggio da Hamas. Nella giornata di oggi il presidente Herzog si è fatto portavoce della notizia della morte di Shani Louk, sottolineando la violenza di Hamas. Due realtà che si scontrano e non trovano un senso.

Cosa hanno detto le donne prigioniere?

Le tre donne si presentano a inizio video, sono: Yelena Tropanov, Danielle Alloni e Rimon Kirscht. In seguito la donna al centro si rivolge a Israele e ai rappresentati del governo, in particolare verso Bibi: “Ti sei impegnato a liberare tutti, invece noi paghiamo il fallimento politico, di sicurezza, militare e dello stato per il tuo disastro del 7 ottobre. Non c’era l’esercito, non c’era nessuno e nessuno ci ha protetto il 7 ottobre, non c’è l’esercito e noi cittadini che paghiamo le tasse ci troviamo prigionieri in condizioni impossibili”.

Prosegue facendo riferimento al rischio sotto i bombardamenti: “Ieri c’è stata una conferenza stampa e doveva esserci un cessate il fuoco. Ma non è stato così, noi siamo ancora qui sotto le bombe”. Infine la richiesta di scambio di prigionieri: “Tu ci uccidi, tu vuoi ucciderci tutti, non ci hai abbastanza massacrato? Non sono morti abbastanza cittadini israeliani? Liberaci adesso, libera i loro cittadini, libera i loro detenuti”.

La risposta di Benyamin Netanyahu

Al video di accuse delle donne, che aprono alla richiesta di uno scambio di ostaggi, Bibi risponde rivolgendosi direttamente a loro: “io vi abbraccio, il nostro cuore è con voi. Vi abbraccio”. Netanyahu fa riferimento al rapimento come crimine di guerra. “Facciamo tutto il possibile per riportare a casa gli ostaggi e i dispersi”, ha aggiunto.

Per il premier israeliano il video è una crudele propaganda psicologica. Questa sera alle 18 (ora italiane) Netanyahu terrà una conferenza stampa con i giornalisti stranieri.

donne-ostaggio-hamas Fonte foto: video

Il benessere della tua mente è importante

,,,,,,,,