,,

Orsini a Cartabianca lancia una dura accusa al presidente Usa Biden: Ucraina come la Siria

Ospite di Cartabianca, il professore Alessandro Orsini torna a invocare uno smarcamento dell'Italia nella guerra in Ucraina e attacca gli Stati Uniti

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Ospite a ‘Cartabianca’ su Rai3, il professore Alessandro Orsini ha commentato gli ultimi sviluppi della guerra in Ucraina. Nel corso del programma condotto da Bianca Berlinguer Orsini ha lanciato una dura accusa al presidente statunitense Joe Biden, accusandolo di voler far diventare il conflitto in Ucraina come una nuova Siria. Ed ha detto che arrivare alla pace è necessario fare concessioni alla Russia di Putin sul Donbass.

Orsini, la dura accusa a Joe Biden

Secondo Alessandro Orsini è giusto in linea di principio aiutare l’Ucraina a difendersi dall’invasione russa, ma è sbagliata invece la posizione che secondo lui starebbe tenendo il presidente statunitense Joe Biden.

“Il presidente americano sta sirianizzando il conflitto“, ha detto il professore di sociologia della Luiss durante la trasmissione ‘Cartabianca’ su Rai3.

Orsini a Cartabianca lancia una dura accusa al presidente Usa Biden: Ucraina come la Siria

Secondo Orsini inoltre “l’Italia non dovrebbe inviare armi pesanti” a Kiev, perché “questo non avrebbe nessuna ricaduta diretta visto che gli aiuti militari continuerebbero ad arrivare da Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna”.

Orsini, concessioni per arrivare alla pace

“Oggi siamo all’83° giorno di guerra ma la pace è lontana come nel primo giorno. Non abbiamo fatto niente”, ha detto Orsini a Bianca Berlinguer. Secondo il professore, spesso accusato di essere filorusso, per poter arrivare alla pace dobbiamo fare concessioni alla Russia di Vladimir Putin.

“Dovremmo renderci disponibili a riconoscere il Donbass russo per avviare un processo politico”, ha detto. “Il problema è il Donbass: se vogliamo fare delle trattative con Putin, dobbiamo fare delle concessioni”.

Una mossa che ovviamente potrebbe non essere accettata dagli ucraini: “Dobbiamo avviare un processo politico per indurli ad accettarlo, se gli assicuri che in eterno gli darai armi per miliardi non avvi un processo diverso”.

Orsini contro l’adesione di Finlandia e Svezia alla Nato

Secondo Orsini deve essere l’Italia ad avviare questo processo politico, innanzitutto smettendo di inviare armi all’Ucraina. “L’Italia deve rompere il fronte con gli Stati Uniti e sganciarsi”.

Il professore della Luiss ha poi criticato la richiesta di adesione alla Nato avanzata da Finlandia e Svezia. Decisioni storiche per due Paesi che hanno seguito per decenni una politica di neutralità, spinte dall’invasione russa dell’Ucraina.

“Non mi sembra il momento migliore per l’ingresso di Finlandia e Svezia nella Nato“, ha detto Orsini. Secondo il professore la Russia non vuole invadere la Finlandia, come aveva già fatto nel 1939”.

Orsini Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,