,,

Ordigno bellico a Brindisi, evacuate 54mila persone

Brindisi sarà una città fantasma nella mattinata di domenica, avviata l'evacuazione per il disinnesco di un ordigno bellico

È cessato l’allarme a Brindisi dove, riferisce l”Ansa’, sono state completate con successo e senza particolari problemi le operazioni di messa in sicurezza di un ordigno bellico del 1941. I 41 varchi sono ora aperti e i circa 54mila cittadini evacuati possono fare ritorno a casa. I primi a dover rientrare saranno coloro che abitano nel raggio di 500 metri dal luogo in cui si trovava l’ordigno. Sarà riattivata gradualmente anche la rete cittadina di distribuzione del gas. Ad annunciare la fine degli interventi è stata la stessa sirena che aveva dato il via all’evacuazione.

L’evacuazione è cominciata all’alba di domenica. L’ordigno bellico era stato trovato il 2 novembre scorso nel cantiere di ampliamento di un cinema multisala.

Al momento dell’avvio dell’evacuazione non si sono registrati intoppi o problemi di traffico. Tra gli evacuati in molti hanno scelto di dormire fuori già da ieri. Più di mille gli operatori delle forze dell’ordine impegnati nelle operazioni, circa 250 i volontari di protezione civile.

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera tra gli evacuati ci sono anche i degenti di due cliniche, trasportati all’ospedale Perrino, e 217 detenuti del carcere che saranno trasferiti in un’ala del carcere di Lecce.

La bomba, di fabbricazione inglese, pesa 500 libbre, è lungo un metro e contiene 40 chili di tritolo. L’ordigno è stato sganciato presumibilmente nel 1941. La spoletta è stata danneggiata durante il ritrovamento.

Ordigno bellico, le operazioni di disinnesco

Completate senza problemi le operazioni di messa in sicurezza dell’ordigno bellico, ora si dovrà trasportare lo stesso nella cava in cui lunedì 16 dicembre sarà fatto brillare.

Gli artificieri, 15 militari dell’undicesimo reggimento genio guastatori di Foggia, hanno operato sul posto. Due di loro hanno rimosso il congegno di attivazione dell’ordigno, il detonatore, e la spoletta, utilizzando una chiave a razzo. Altri due hanno seguito a breve distanza le operazioni.

Ad inizio mese, a restare immobilizzata per diverse ore, era stata la città di Torino dove un ordigno bellico è stato disinnescato con successo.

VirgilioNotizie | 15-12-2019 13:28

ordigno-bellico Fonte foto: Ansa
,,,,,,,