,,

Open Arms, la polizia nella sede della guardia costiera

Sedicesima notte per i 134 migranti a bordo. Attesa per le decisioni della Procura di Agrigento

Sedicesima notte per i 134 migranti rimasti a bordo della Open Arms, ancorata da Ferragosto davanti al porto di Lampedusa dopo il via libera all’ingresso nelle acque territoriali italiane. La situazione resta in stallo, nonostante le polemiche e la decisione di far evacuare diverse persone per ragioni sanitarie.

C’è attesa per le decisioni della Procura di Agrigento che ha aperto un’inchiesta per sequestro di persona, violenza privata e abuso d’ufficio. A bordo della nave della ong spagnola ci sono anche 28 minori non accompagnati, che da ieri hanno un tutore nominato dal Tribunale dei minori di Palermo. I pm potrebbero disporre il sequestro della nave con il conseguente sbarco di tutti i migranti a bordo.

In mattinata, secondo quanto riporta Repubblica, la polizia giudiziaria, inviata dal procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella, si è presentata nella sede della Guardia costiera di Roma per acquisire documenti utili all’inchiesta. Tra questi la comunicazione con la quale il Centro Nazionale di Coordinamento del Soccorso Marittimo (MRCC) informa il ministero dell’Interno che “non vi sono impedimenti di sorta” allo sbarco della nave e chiede “con urgenza” una risposta sull’assegnazione di un porto sicuro per i migranti. L’autorizzazione allo sbarco spetta formalmente al prefetto di Agrigento Dario Caputo, che attende ordini dal Viminale.

Intanto il ministro dell’Interno Matteo Salvini è tornato ad attaccare l’ong su Twitter: “In 16 giorni sareste già tranquillamente arrivati a casa vostra in Spagna. Quella delle ong è una battaglia politica, non certo umanitaria, giocata sulla pelle degli immigrati. Vergogna. Io non mollo”.

VIRGILIO NOTIZIE | 17-08-2019 10:32

Richard Gere a Lampedusa dalla parte dei migranti. Le foto Fonte foto: Ansa
Richard Gere a Lampedusa dalla parte dei migranti. Le foto
,,,,,,,