,,

Oggi è il Tiger Day: restano meno di 3900 tigri nel mondo

Si festeggia oggi, 29 luglio, il Tiger Day, Giornata mondiale della tigre che riporta al centro del dibattito l’urgenza di salvare la specie.

Si celebra, in questo lunedì 29 luglio, la Giornata mondiale della tigre, felino che oggi quanto mai sta vivendo un periodo difficile. Il Tiger Day, infatti, riporta al centro del dibatto l’urgenza di salvaguardare un’intera specie dichiarata in via di estinzione.

Se agli inizi del Novecento gli esemplari in natura si aggiravano attorno ai 100mila, ora se ne contano meno di 3900 variamente distribuiti.

Dall’India alla Russia, passando per Malesia, Indonesia e Vietnam: sono in totale 13 i Paesi che ospitano le ultime tigri, su cui si concentra l’impegno del WWF. A fronte di un calo del 97% in cento anni, l’esigenza ora è quello di incrementare la specie con un obiettivo ambizioso. Si lavora, infatti, per raddoppiare la popolazione entro il 2022 portando il numero degli esemplari a quota 6mila.

A mettere in pericolo la sopravvivenza delle tigri è, ancora una volta, il comportamento dell’uomo. Il bracconaggio, infatti, è fra le prime cause di morte di questi animali, ricercati soprattutto sul mercato illegale per le loro presunte proprietà medicali. La tradizione cinese ne usa ossa e denti, ma anche organi interni e il commercio si diffonde in tutta l’Asia.

Addirittura si tratta del quarto traffico illegale più diffuso al mondo. Tra tutti i Paesi, solo il Nepal si sta distinguendo grazie a una serie di interventi virtuosi per salvare la tigre. E i risultati sono incoraggianti, con un amento degli esemplari da 198 a 235 dal 2013 a oggi. Ma il percorso da compiere è ancora molto lungo e la sfida è “difficilissima”. Parola di WWF.

VIRGILIO NOTIZIE | 29-07-2019 12:08

Tiger Day Fonte foto: 123RF
,,,,,,,