,,

Netflix versa al Fisco quasi 56 milioni di euro, così chiude la disputa con l'Agenzia delle Entrate

Netflix chiude il contenzioso con l'Agenzia delle Entrate con una cifra da capogiro. Primo caso al mondo di "organizzazione occulta senza personale"

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Si chiude il contenzioso tra l’Agenzia delle Entrate e Netflix, la piattaforma streaming di serie tv e film, che ha versato al Fisco italiano 55 milioni e 850mila euro in un’unica soluzione. Il versamento ha fatto seguito all’inchiesta della Procura di Milano e la Guardia di finanza milanese sul mancato versamento di tasse all’Italia.

Netflix e il contenzioso con l’Agenzia delle Entrate: “Primo caso mondiale di organizzazione occulta priva di personale”

Si tratta del “primo caso, in ambito mondiale, in cui viene ipotizzata l’esistenza di una stabile organizzazione occulta di una società estera operante nella Digital Economy, completamente priva di personale e caratterizzata esclusivamente da una struttura tecnologica avanzata”, fa sapere la Procura di Milano.

Una struttura che “sarebbe stata asservita in via esclusiva allo svolgimento di funzioni aziendali chiave per la conduzione del proprio business sul territorio dello Stato”, prosegue la nota.

sede netflixFonte foto: ANSA
La sede centrale di Netflix a Los Gatos, in California

Netflix ha una sede in Italia dal primo gennaio 2022 e rientra nel sistema di tassazione italiano coi redditi degli abbonamenti

Nel frattempo, dal primo gennaio 2022, Netflix ha aperto una sede operativa anche in Italia. Si tratta di una svolta, in quanto da quella data il gruppo “ha iniziato a stipulare i contratti e fatturare i corrispettivi provenienti dagli abbonamenti sottoscritti con gli utenti nazionali”.

Di conseguenza, l’azienda californiana rientra nel sistema di tassazione italiano con i “redditi prodotti dalla vendita degli abbonamenti agli utenti residenti sul territorio nazionale”.

Perché Netflix ha versato al Fisco quasi 56 milioni di euro

Ma perché la Procura di Milano ha avviato l’inchiesta? In sintesi, Netflix aveva infrastrutture tecnologiche collocate in territorio italiano, nel caso specifico 350 server, installati presso data center e operatori di telefonia. Grazie alla vicinanza ai server, posizionati in punti strategici in tutto il Paese, Netflix ha potuto fornire i suoi servizi a una qualità maggiore, producendo redditi con gli abbonamenti.

Da qui la decisione di chiedere un versamento di quasi 56 milioni di euro “per definire ogni pendenza con il Fisco italiano per il periodo dall’ottobre 2015 e fino al 2019“.

netflix Fonte foto: ANSA
,,,,,,,,