,,

'Ndrangheta, maxi operazione: 334 arresti, anche tra i politici

Sono 416 gli indagati. Smantellate le organizzazioni della cosca Mancuso di Limbadi

Sono 334 le persone coinvolte nell’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare del gip di Catanzaro su richiesta della Dda in una maxi operazione antimafia dei Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Vibo Valentia. Ne dà notizia l’Ansa.

Si tratterebbe di politici, avvocati, commercialisti, funzionari infedeli dello Stato e massoni . Tra loro anche l’avvocato ed ex parlamentare di Forza Italia Giancarlo Pittelli.

L’operazione, nominata ‘Rinascita-Scott’, avrebbe disarticolato tutte le organizzazioni di ‘ndrangheta operanti nel Vibonese e facenti capo alla cosca Mancuso di Limbadi.

Durante l’inchiesta sono emerse cointeressenze con personaggi del mondo politico e dell’imprenditoria. Documentati anche dei summit di ‘ndrangheta finalizzati al conferimento di promozioni e di incarichi ad affiliati di rilievo, secondo quanto riporta l’Ansa.

Complessivamente sono 416 gli indagati, accusati a vario titolo di associazione mafiosa, omicidio, estorsione, usura, fittizia intestazione di beni, riciclaggio e altri reati aggravati dalle modalità mafiose.

I Carabinieri hanno notificato anche un provvedimento di sequestro beni per un valore di circa 15 milioni di euro. L’imponente operazione, frutto di indagini durate anni, oltre alla Calabria interessa altre regioni.

Le ordinanze cautelari, riporta l’Ansa, sono state eseguite in Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Sicilia, Puglia, Campania e Basilicata. Alcuni indagati sono stati localizzati e arrestati in Germania, Svizzera e Bulgaria.

Altre operazioni della Dda avevano già evidenziato infiltrazioni della ‘ndrangheta in Umbria e in Valle d’Aosta.

Nell’operazione sono impegnati 2500 carabinieri del Ros e dei Comandi provinciali che in queste ore stanno lavorando sul territorio nazionale supportati anche da unità del Gis, del Reggimento Paracadutisti, degli Squadroni Eliportati Cacciatori, dei reparti mobili, da mezzi aerei e unità cinofile.

Nicola Morra, presidente della Commissione parlamentare Antimafia ha fatto sapere, in un comunicato stampa diffuso dall’Ansa: “Grazie e ancora grazie alle migliaia di donne e uomini impegnati da stanotte nella maxi operazione che ha portato allo smantellamento di tutte le cosche operanti nel vibonese e facenti capo alla cosca Mancuso di Limbadi“.

“Un plauso al Ros, guidato dal Generale Pasquale Angelosanto, e altrettanto alla magistratura e alla Dda di Catanzaro guidata da Nicola Gratteri. Stanotte lo Stato ha dimostrato ancora una volta tutta la sua capacità di reazione dispiegando uomini e mezzi per un attacco frontale”, ha continuato il senatore M5s.

“Da oggi in Calabria si respira un’aria migliore, un’aria che ha il sapore di libertà. Queste continue operazioni devono farci comprendere la potenza di fuoco e di penetrazione delle mafie e quindi la lotta alla criminalità organizzata deve essere il primo punto dell’agenda politica”, ha sottolineato Nicola Morra.

“Non basta un applauso al momento degli arresti ma c’è bisogno di sostegno concreto e continuo per le necessità delle forze dell’ordine e della magistratura. Dall’altra parte tutti noi cittadini dobbiamo avere fiducia nelle capacità di contrasto delle Istituzioni contro le mafie”, ha fatto sapere all’Ansa il senatore.

“Ma le Istituzioni vanno protette e rispettate e non abbandonate per mere beghe di partito. Oggi è una bella giornata per chi ha a cuore la legalità”, ha concluso Nicola Morra.

VIRGILIO NOTIZIE | 19-12-2019 07:50

direzione-investigativa-antimafia-ndrangheta-maxi-operazione Fonte foto: Ansa
,,,,,,,