,,

Il narcotrafficante "El Chapo" condannato all'ergastolo

Il boss ha definito la sua detenzione "una tortura psicologica"

Joaquin Guzman “El Chapo” è stato condannato all’ergastolo negli Usa. Sul capo del narcotrafficante messicano più noto al mondo pendono dieci capi d’imputazione. La decisione è stata presa da una corte di New York. Il boss, intanto, ha definito la sua detenzione “una tortura psicologica, emotiva e mentale 24 ore al giorno”.

Oltre all’ergastolo “El Chapo” dovrà scontare altri 30 anni e, come riporta La repubblica, restituire 12,6 miliardi di dollari dei proventi dei suoi crimini. La somma equivarrebbe agli introiti del traffico di droga negli Usa gestiti dal suo cartello prima che fosse arrestato e processato negli Stati Uniti.

Il boss del narcotraffico è stato catturato nel 2016 in Messico e poi estradato negli Stati Uniti, anche a seguito di due incredibili fughe di Guzman dalle prigioni messicane. A febbraio era stato giudicato colpevole da una giuria composta da 10 capi d’accusa, dall’associazione a delinquere nell’ambito della criminalità organizzata al traffico di droga, dal riciclaggio di denaro sporco all’uso e traffico di armi da fuoco e di vari omicidi.

El Chapo è stato per 25 anni il boss del cartello di Sinaloa, una delle più grandi e violente organizzazioni messicane dedite di narcotrafficanti con un “esercito di sicari” con l’ordine di rapire, torturare e uccidere chiunque si fosse intromesso.

Prima della sentenza Guzman si è lamentato di non aver ricevuto un processo, a suo dire, giusto. “Il mio caso non era chiaro e mi avete negato un processo equo proprio di fronte al mondo intero, che stava guardando – ha detto il narcotrafficante con il supporto di un traduttore – Quando sono stato estradato negli Stati Uniti, mi aspettavo di avere un processo giusto ma è successo esattamente l’opposto”.

Il difensore di El Chapo ha quindi rilanciato la richiesta di un nuovo processo per presunti pregiudizi dei giurati, domanda che era già stata respinta nei giorni scorsi. Quando il narcotrafficante è stato estradato negli Usa, dopo le sue leggendarie fughe da altre cerceri, le autorità statunitensi lo hanno tenuto in isolamento in un’unità ultra-sicura a Manhattan sotto stretta sorveglianza.

Ora il boss dovrebbe scontare la sua pena al “Supermax” di Florence, in Colorado, un carcere di massima sicurezza conosciuto come “Alcatraz delle Montagne Rocciose“.

 

VIRGILIO NOTIZIE | 17-07-2019 17:29

US court sentences El Chapo to life Fonte foto: Ansa
,,,,,,,