,,

Morti Covid, i dati potrebbero essere sbagliati di molto: per gli esperti sono il doppio, se non il quadruplo

Quanti morti ha mietuto il Covid? Sono davvero 5.5 milioni su scala globale come riportato dalle stime ufficiali?

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

Quanti sono realmente i morti per Covid da quando è iniziata la pandemia? Secondo uno studio pubblicato di recente su Nature i dati finora diffusi potrebbe essere sbagliati, e non di poco. Ce ne sono stati di più o di meno? L’ipotesi è che ce ne siano stati molti di più di quelli conteggiati, addirittura il doppio se non il quadruplo. Al momento, a livello globale, si stima che i decessi causati dal coronavirus siano stati circa 5.5 milioni ma c’è il forte sospetto che i numeri siano inesatti e parziali.

Covid, stima dei decessi: perché i numeri sono parziali e inesatti

Secondo gli scienziati che hanno lavorato alla ricerca, uno dei motivi principali che avrebbe portato a sbagliare è che in centinaia di Paesi le statistiche hanno raccolto dati poco affidabili sulle scomparse. Ad esempio, nei Paesi Bassi, a inizio pandemia sono state conteggiate soltanto le morti di coloro che sono deceduti in ospedale dopo essere risultati positivi al SARS-CoV-2.

In Belgio si includevano nelle statistiche ufficiali i morti nella comunità e tutti coloro che hanno perso la vita dopo aver mostrato i sintomi della malattia, anche se non erano stati diagnosticati.

Morti per Covid, nuove stime.Fonte foto: ANSA

Morti per Covid, gli scienziati indicano l’eccesso di mortalità come metro di misura

Al fianco dei bollettini diffusi dai vari ministeri degli Stati, si sono poi aggiunte le indagine realizzate da varie enti, tra cui Università e testate, tra cui The Economist, che per i propri report ha usato metodi che vanno dalle immagini satellitari dei cimiteri ai sondaggi porta a porta e ai modelli computerizzati di apprendimento automatico che cercano di estrapolare stime globali dai dati disponibili.

Secondo i dati raccolti con questo metodo, i morti in eccesso su scala globale potrebbero essere il doppio o forse il quadruplo delle stime ufficiali finora note. Vale a dire che i decessi potrebbero essere ben oltre i 5.5 milioni, attestandosi tra i 12 e 22 milioni.

Visto che non è per nulla semplice avere dati affidabili e puntuali, secondo gli scienziati il metro di misura più corretto è quello relativo all’eccesso di mortalità che non è così difficile da calcolare. Come lo si ottiene? Confrontando i decessi durante la pandemia con la media registrata negli ultimi cinque anni. Anche qui tuttavia non è tutto semplice perché individuare dei parametri infallibili è assai difficoltoso.

A ciò si aggiunge che in diversi Paesi del mondo la comunicazione istituzionale è ‘opaca’ e non si ha certezza dei dati comunicati. Ad esempio la Russia ha registrato oltre 300.000 decessi per Covid-19 entro la fine del 2021, ma è probabile che in quel periodo abbia superato 1 milione di morti in eccesso. Ci sono poi stime che sostengono che in Messico un terzo di tutte le morti può essere attribuito al virus.

Una cosa è certa: la via da percorrere per avere dati affidabili e senza margine d’errore è ancora molto lunga.

Variante Omicron, tamponi rapidi falsi negativi: quando e come effettuare i test antigenici per non sbagliare Fonte foto: ANSA
Variante Omicron, tamponi rapidi falsi negativi: quando e come effettuare i test antigenici per non sbagliare
,,,,,,,