,,

Milano, picchia la compagna 18enne incinta: arrestato

La giovane pochi giorni prima aveva tentato il suicidio in metropolitana

Giovanissima, 18 anni appena, incinta, aveva tentato il suicidio in metropolitana, ma era stata salvata da un dipendente Atm che l’aveva presa in braccio e riportata sulla banchina. La polizia locale di Milano, riferisce l’Ansa, ha ora svelato il dramma alla base della vicenda. La ragazza, italiana, incinta di poche settimane, veniva maltrattato dal compagno, un marocchino di 32 anni.

Alcuni giorni dopo il tentato suicidio, il 17 dicembre, gli agenti hanno arrestato in flagranza l’uomo, mentre la stava picchiando in strada davanti alla madre di lui, che invano gli diceva di smetterla, e a un bambino di circa tre anni, figlio del fratello del 32enne.

Fermato dagli agenti, il 32enne, privo di documenti e con precedenti per spaccio, si è giustificato dicendo che era stata lei a colpirlo per prima e che “stava solo mettendo addosso le mani a sua moglie”.

L’accusa nei suoi confronti è quella di maltrattamenti in famiglia aggravati dall’aver commesso il fatto nei confronti di una donna incinta e alla presenza di un minore.

La ragazza, pur non sporgendo denuncia, ha raccontato che era già stata picchiata più volte dal compagno in passato. L’ultimo episodio risale all’ottobre scorso, quando era stata ricoverata alla clinica Mangiagalli per un ematoma all’occhio e altri lividi.

VIRGILIO NOTIZIE | 28-12-2019 17:22

polizia-locale Fonte foto: Ansa
,,,,,,,