,,

Michele Bravi, chiesto processo con l'accusa di omicidio stradale

Il 5 dicembre avrà luogo l'udienza preliminare per Michele Bravi, il cantante 24enne accusato di omicidio stradale ai danni di una 58enne

La Procura di Milano ha chiesto il rinvio a giudizio con l’accusa di omicidio stradale per Michele Bravi, il cantante 24enne che lo scorso 22 novembre è rimasto coinvolto in un’incidente a causa del quale è deceduta una 58enne. Secondo quanto riporta l’Ansa, il 5 dicembre avrà luogo l’udienza preliminare davanti al gup Luigi Gargiulo.

Michele Bravi, la dinamica dell’incidente stradale

L’incidente è avvenuto la sera del 22 novembre 2018, mentre il cantante era alla guida di un’auto di una società di car sharing. Stando a quanto ricostruito nelle indagini, Bravi avrebbe effettuato un’inversione vietata per cambiare il proprio senso di marcia. Proprio in quel momento, la vittima 58enne a bordo di una motocicletta gli è finita addosso. Nonostante il repentino soccorso, la donna è morta circa un’ora dopo.

Dalla consulenza cinematica per ricostruire l’accaduto, è emerso che il ragazzo non avrebbe controllato la strada prima di effettuare la manovra. Il legale del cantante, Manuel Gabrielli, ha tuttavia precisato che non c’erano elementi di colpevolezza per il suo assistito. Dopo la chiusura delle indagini, ha dichiarato che Bravi “non stava effettuando inversione ad U, bensì una svolta a sinistra per accedere ad un passo carraio”, e che andava valutata anche “la velocità della moto”.

Che fine ha fatto Michele Bravi

Michele Bravi, che ha espresso profondo dolore per la morte della motociclista 58enne, nei mesi successivi all’incidente è sprofondato in un silenzio mediatico rotto soltanto lo scorso maggio. In un’intervista rilasciata al Corriere, ha raccontato di quanto quell’evento terribile gli abbia cambiato la vita, e del percorso di psicoterapia intrapreso per rimettersi in piedi.

VirgilioNotizie | 08-07-2019 13:50

michele-bravi Fonte foto: ANSA
,,,,,,,