,,

Medio Campidano, condannato per abusi su 13enne si toglie la vita

Un uomo residente nel Medio Campidano si è suicidato dopo essere stato condannato per aver abusato di una ragazzina non ancora 13enne

Un uomo residente nel Medio Campidano si è suicidato dopo essere stato condannato solo poche settimane fa per aver abusato di una ragazzina non ancora 13enne. Secondo quanto riporta l’Ansa, l’uomo, un allenatore di basket di 40 anni, si è tolto la vita oggi in casa sua. Dopo aver rinvenuto il suo corpo, sono stati gli stessi genitori ad allertare il 118 e i carabinieri ma purtroppo i soccorsi non sono serviti a salvargli la vita.

La condanna a 5 anni di reclusione, con rito abbreviato, è stata emessa lo scorso 7 giugno. Davanti al Gup del tribunale di Cagliari, aveva dichiarato che i rapporti avuti con la sua allieva minorenne erano consenzienti. Inoltre, si era difeso dicendo di non sapere che la ragazzina avesse meno di 13 anni, negando anche di averla forzata in virtù del suo ruolo di allenatore.

Le sue argomentazioni tuttavia non sono servite a fargli scampare la condanna, in seguito alla quale non avrebbe retto e si sarebbe ucciso.

VirgilioNotizie | 27-06-2019 17:18

carabinieri-11 Fonte foto: ANSA
,,,,,,,