,,

Matteo Salvini "commosso" da Ruini. L'apertura a Liliana Segre

Il leader della Lega risponde all'endorsement del cardinale e corregge il tiro su Balotelli

Matteo Salvini, dopo che il cardinale Ruini ha invitato la Chiesa a dialogare con il leader della Lega, ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera dove ha commentato le sue parole. Salvini è anche tornato a parlare degli insulti razzisti a Balotelli dimostrando un’apertura verso Liliana Segre, dopo l’astensione dei leghisti nella votazioni per una commissione straordinaria contro razzismo e antisemitismo.

La risposta al cardinale Ruini

Mi ha colpito e commosso“, ha ammesso Salvini. “Ruini rappresenta una parte importante della Chiesa. Io cerco il dialogo con la Cei, con i vescovi, con il mondo cattolico. La sua è un’apertura straordinaria”.

Ruini, nell’intervista precedente, aveva detto al Corriere della Sera: “Non condivido l’immagine tutta negativa di Salvini che viene proposta in alcuni ambienti. Penso che abbia notevoli prospettive davanti a sé; e che però abbia bisogno di maturare sotto vari aspetti”.

Il leader della Lega ha replicato così: “Sicuramente non si finisce mai di imparare. Però sulla famiglia, sulla difesa della vita e della libertà educativa sono già allineato alle posizioni della Chiesa“.

Secondo il leader della Lega, inoltre, gli ultimi tre papi avrebbero delle posizioni sull’accoglienza “non lontane” dalle sue. Alla domanda se abbia intenzione di incontrare il cardinale, Salvini ha poi risposto che lo farà “riservatamente” nei prossimi giorni.

Il caso Balotelli e la mozione Segre

A una domanda sul caso Balotelli, nel corso dell’intervista rilasciata al Corriere della Sera, Salvini ha precisato: “A mio figlio predico sempre rispetto per giocatori e arbitri. Quindi, giusto condannare insulti e comportamenti oltraggiosi. Ma mi pare che si sia sollevato un polverone esagerato”.

Ieri, infatti, il leader della Lega aveva detto: Balotelli è l’ultima mia preoccupazione, vale più un operaio dell’Ilva che 10 Balotelli, non abbiamo bisogno di fenomeni”.

“Se devo incontrare qualcuno penso a Liliana Segre“, ha detto a sorpresa Matteo Salvini al Corriere della Sera. Alla domanda se si sia pentito dell’astensione sulla commissione antirazzista, il leader del Caroccio ha replicato: “No, se ci si fosse limitati all’antisemitismo non avrei avuto problemi. Le commissioni etiche le lascio all’Unione Sovietica”.

“Ma Liliana Segre”, ha concluso Salvini, “è una persona che merita tutto il mio rispetto e le chiederò quanto prima un incontro“.

La replica di Liliana Segre

La senatrice a vita Liliana Segre, come riporta Ansa, ha replicato alla proposta di Salvini: “Lo incontrerò, certo, perché non dovrei? Se lui mi vuole incontrare perché no? Se io non odio, perché non dovrei aprire la porta?”.

VIRGILIO NOTIZIE | 05-11-2019 07:51

Elezioni in Umbria, vince il centrodestra. Le reazioni Fonte foto: Ansa
Elezioni in Umbria, vince il centrodestra. Le reazioni
,,,,,,,