,,

Matteo Salvini, duro attacco a Giuseppe Conte sul Mes

Il leader della Lega si è espresso ancora contro il presidente del Consiglio e il caso del "Fondo Salva Stati"

Non accenna a placarsi la polemica tra il leader della Lega Matteo Salvini e il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte con il Mes al centro del dibattito. A Portoferraio, come riporta ‘Ansa’, Salvini ha dichiarato: “Io sono alla quinta indagine per sequestro di persona, ormai le colleziono. Non mi fanno paura le denunce e men che meno le minacce, mi fa tristezza un presidente del Consiglio che parla con minacce e querele”.

E poi: “Il Mes ruba ai poveri per dare ai ricchi. Ruba i soldi ai risparmiatori italiani per finanziarie le banche tedesche. Sono i paesi che stanno meglio che dovrebbero aiutare quelli che stanno peggio”.

Ancora Salvini: “Vi ricordate il SalvaGrecia? Ci è costato 60 miliardi di euro. Siamo andati a valutare con degli organismi internazionali quanti di quei soldi sono rimasti in Grecia: su 100 euro ne sono rimasti 5 perché gli altri 95 sono finiti alle banche francesi e tedesche che avevano fatto investimenti in Grecia. Non è normale”.

Poi, l’affondo nei confronti di Conte: “Se hai firmato qualcosa che non avevi il permesso di firmare dimettiti e chiedi scusa perché con i risparmi degli italiani non si scherza. Per questo ho convocato Conte lunedì”.

Matteo Salvini, intervenuto in precedenza a Milano per la presentazione del libro del giornalista tv Paolo Del Debbio, aveva già rilasciato alla stampa alcune dichiarazioni riguardo il Mes e il ruolo di Giuseppe Conte nella vicenda. Il presidente del Consiglio riferirà lunedì 2 dicembre alle ore 15.30 al Senato, convocato per l’informativa sulle modifiche al Trattato sul Meccanismo europeo di stabilità.

“Speriamo che il weekend porti consiglio e Giuseppe Conte dopo minacce e querele torni sulla terra e dica la verità agli italiani”, ha detto Matteo Salvini, secondo quanto riporta l’Ansa.

“Cosa mi aspetto che dica Giuseppe Conte? Una cosa strana, la verità. L’Europa era e può ritornare un grande sogno, ma non in mano a qualche burocrate e finanziere. Questo trattato, per come è modificato, espropria di democrazia e sovranità il Parlamento, e soprattutto il risparmio degli italiani. Non esiste“, ha aggiunto il leader della Lega.

Sull’argomento Matteo Salvini è tornato anche nel suo intervento in sala. Lunedì, ha detto, “il presidente del Consiglio, tra una querela e l’altra, deve venire in Parlamento a spiegare agli italiani se ha svenduto i loro risparmi e la loro sovranità. Sono proprio curioso di sentire cosa avrà da dire”.

“Non esiste più l’immunità parlamentare, bisogna avvisare l’avvocato”, ha poi risposto Matteo Salvini alle domande dei giornalisti, secondo quanto riporta l’Ansa.

La querela annunciata dal premier nei suoi confronti, ha poi precisato, “non è arrivata.  Non ho paura di niente e di nessuno, anzi vorrei andare davanti a un tribunale a parlare di Europa e risparmio con il presidente Giuseppe Conte”. Matteo Salvini, si è appreso ieri, è oggetto di due inchieste giudiziarie.

VIRGILIO NOTIZIE | 30-11-2019 15:58

Duelli in tv, 25 anni di sfide da Berlusconi a Salvini Fonte foto: Ansa
Duelli in tv, 25 anni di sfide da Berlusconi a Salvini
,,,,,,,