,,

Manovra: è polemica su Imu, Tasi e pignoramento dei conti

Matteo Salvini attacca, mentre il premier Giuseppe Conte tranquillizza i cittadini

Nonostante il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte abbia tranquillizzato i cittadini rispondendo a chi gli chiedeva notizie sulla possibilità per i comuni, con la nuova Manovra, di bloccare i conti correnti dei contribuenti che non pagano i tributi locali, la polemica non si placa. Queste le sue parole del premier: “I cittadini non si devono preoccupare, non mi risulta“.

Come si legge sul ‘Corriere della Sera’, quella norma è però prevista dall’articolo 96 della Legge di Bilancio depositata e già in discussione, al Senato, e darebbe anche molta soddisfazione ai sindaci, che vedrebbero così la possibilità di mettere al sicuro le proprie entrate fiscali.

Nello specifico, la norma tende a offrire ai Comuni che riscuotono direttamente i loro tributi la possibilità di utilizzare gli stessi metodi e strumenti che usa l’Agenzia delle Entrate.

La riforma contenuta nella manovra riduce a 9 mesi il tempo per ottenere, anche forzatamente, la soddisfazione del credito.

I termini per presentare i ricorsi sono accorciati da 4 mesi a 2 mesi per i crediti fiscali inferiori a mille euro.

Prima dell’avvio concreto della procedura esecutiva, per tutti i crediti inferiori alla cifra di 10 mila euro, gli enti locali dovranno inviare anche un sollecito di pagamento al contribuente. Non è previsto alcun avviso, invece, per crediti superiori.

Il nuovo meccanismo non si applica alle multe, perché le disposizioni non incidono sul Codice della Strada.

Intanto, Matteo Salvini, ospite alla presentazione del nuovo libro di Bruno Vespa, ha attaccato sul tema: “Se entrano nel tuo conto corrente per pignorare, secondo me siamo all’Unione sovietica fiscale, lo stato di polizia fiscale”.

A Salvini ha risposto una nota dei deputati M5S della Commissione Bilancio, diffusa da ‘Ansa’: “Salvini come al solito fa terrorismo da quattro soldi. Ai Comuni sarà consentito di utilizzare la stessa procedura già utilizzata dallo Stato, mentre garanzie e tutele per i contribuenti resteranno assolutamente invariate”.

La nota prosegue così: “Già oggi lo Stato può rivalersi su chi non si mette in regola entro i termini previsti dalla legge in seguito ad una procedura di accertamento fiscale. La norma strumentalizzata da Salvini consente di fare lo stesso anche ai Sindaci, semplificando il quadro, ma senza nessun aggravio per i cittadini. Prevediamo inoltre che le multe siano escluse dalla disciplina”.

Infine, l’attacco diretto: “È davvero cinico l’atteggiamento di chi, come Salvini, per oltre un anno di governo ha provato a far riscuotere alcune tasse locali nella bolletta della luce. Quella sì che sarebbe stata l’Unione Sovietica”.

 

VIRGILIO NOTIZIE | 21-11-2019 07:23

Renzi attacca Conte e manovra. Tutte le reazioni Fonte foto: Ansa
Renzi attacca Conte e manovra. Tutte le reazioni
,,,,,,,