,,

Lyssavirus: cos'è e quali sono i sintomi

Cosa sono i lyssavirus, quali sono i sintomi e cosa fare se si viene morsi da animali che hanno contratto il virus della rabbia

Il caso del gatto infettato dal lyssavirus, che ha morso quattro persone ad Arezzo, ha sollevato un nuovo allarme nella città toscana. Dopo la pandemia di coronavirus, infatti, l’allerta delle persone nei confronti della comparsa di nuove possibili minacce è molto alta. Ma che cosa sono i lyssavirus?

Cosa sono i lyssavirus

I lyssavirus appartengono alla famiglia Rhabdoviridae, insieme al virus della rabbia e il lyssavirus del pipistrello australiano. Il primo esemplare di quest’ultimo fu identificato proprio in Australia nel 1995, e può essere trasmesso all’uomo senza passare per ospiti intermedi. Ma si tratta di un’eventualità estremamente rara, in quanto dalla sua scoperta ad oggi i casi documentati sono solo tre, come riferisce Sky Tg24.

Virus della rabbia, quali sono i sintomi e i rimedi

Il virus della rabbia può essere trasmesso all’uomo, e se non trattato preventivamente può colpire il sistema nervoso con esito letale. Il virus si trasmette tra i mammiferi attraverso morsi, graffi o il contatto fra la saliva dell’animale infetto con mucose o ferite.

Come si legge sul sito del Ministero della Salute non esiste una cura per la rabbia, né per l’uomo né per gli animali, ma esiste un vaccino pre-esposizione e un trattamento antirabbico post-esposizione a cui sottoporsi subito dopo il presunto contagio.

Un animale con la rabbia mostra un repentino cambio di comportamento: anche gli animali più mansueti manifestano un atteggiamento aggressivo. Nell’uomo, il virus si manifesta dopo il periodo di incubazione con paralisi e convulsioni. Gran parte delle persone contagiate sviluppa in un secondo momento l’idrofobia, cioè una profonda repulsione verso i liquidi accompagnata da spasmi ogni volta che prova a deglutire dell’acqua.

L’ultimo stadio della malattia si manifesta con un incremento dell’aggressività, allucinazioni, paralisi delle corde vocali, e può culminare con la morte del soggetto.

In caso di morsi o graffi da parte di animali selvatici che mostrano comportamenti riconducibili alla rabbia, il Ministero della Salute suggerisce alcune soluzioni: in primo luogo è necessario lavare la ferita con acqua e sapone per 15 minuti, poi bisogna recarsi al pronto soccorso, precisando al medico come è avvenuto il ferimento.

Cos’è il lyssavirus del pipistrello australiano

Il lyssavirus del pipistrello australiano (ABLV) ha una sintomatologia simile a quella dell’influenza, con mal di testa, febbre e spossatezza. Con il peggioramento della malattia, il paziente è soggetto a paralisi, deliri, convulsioni, fino alla morte. In caso di ferite inferte dai pipistrelli, le autorità australiane suggeriscono di lavare la ferita con acqua e sapone per 15 minuti, dopodiché va applicato un antisettico e infine bisogna contattare il medico per valutare ulteriori trattamenti.

VIRGILIO NOTIZIE | 29-06-2020 15:51

gatto-rabbia Fonte foto: ANSA
,,,,,,,