,,

Leopolda, Renzi lancia un appello ai militanti di Forza Italia

Matteo Renzi e Teresa Bellanova hanno espresso le loro posizioni in merito al governo Conte bis, al Pd e a Matteo Salvini

“Agli amici della politica romana dico: proporre delle idee non è lanciare un ultimatum, è fare politica”. Queste le parole del leader di Italia Viva Matteo Renzi, nell’ultimo giorno della Leopolda. Come riporta l’Ansa, Renzi ha poi aggiunto: “Non ultimatum, ma primato della politica. Noi diciamo: ma che vi ha fatto di male il ceto medio per essere tartassato da tasse inutili?”.

Renzi, l’appello agli esponenti di Forza Italia

Renzi ha lanciato un appello ai “delusi” di Forza Italia: “A San Giovanni ieri è finito un modello culturale di centrodestra, che io non ho mai votato, e Berlusconi non ha mai votato la fiducia a me, ma ha rappresentato per 25 anni un modello che aveva distorsioni, ma ha cercato di rappresentare l’area liberale del Paese”.

Poi ha aggiunto: “Ieri Salvini ha preso le redini, capisco il disagio di dirigenti e militanti di Forza Italia. A chi crede che c’è spazio per un’area liberale e democratica dico venga a darci una mano. Italia Viva è aperta”.

Leopolda, l’attacco di Renzi a Salvini

Renzi ha lanciato una frecciatina a Matteo Salvini, dopo l’atteso duello in tv che li ha visti come protagonisti: “A Salvini dico ‘goditi il Papeete’, che a governare pensiamo noi”.

L’ex segretario del Pd ha aggiunto: “Di fronte al diktat di Salvini dal Papeete potevamo assecondare il suo disegno perverso per mettere le mani sul Quirinale e accettare qualche spruzzatina di novità da qualcuno su liste elettorali”.

“Ma il Paese sarebbe finito nelle mani dei sovranisti – ha precisato Renzi – e saremmo usciti dall’euro. L’alternativa a questo era fare politica, mentre loro chiamano coerenza quel che noi chiamiamo masochismo. Sì, ho cambiato idea per salvare l’Italia da Salvini e dal salvinismo e lo rivendico”.

Leopolda, Renzi sul Conte bis e la tenuta del governo

Sul futuro del governo Conte bis, Renzi ha affermato: “Questa legislatura eleggerà il presidente della Repubblica, il cui mandato scade a gennaio 2022. Il ruolo del Quirinale è un ruolo chiave”.

“Se rimane questa legislatura in vita – ha aggiunto – il presidente che ci accompagnerà fino al 2029 sarà espressione di forze politiche che credono nell’Europa, non mettono in discussione l’euro, non affollano le piazze circondati da Casapound, che mette in discussione valori costituzionali e la memoria condivisa”.

Sul rapporto col Pd, suo ex partito, Renzi ha chiarito che tolti alcuni valori e idee comuni, “sul resto saremo competitor del Pd; noi vogliamo fare quel che ha fatto Macron e che certo non ha avuto il consenso dei socialisti francesi. Vogliamo assorbire larga parte di quel consenso, vogliamo arrivare come minimo sindacale in doppia cifra“.

Poi la visione: “Vogliamo offrire uno spazio a chi non crede nella casa dei sovranisti e non sta in un disegno strutturale di alleanza tra Pd e M5S. Noi non la faremo quella alleanza perché il nostro mondo è diverso, non è casa nostra”.

Leopolda, le polemiche su Teresa Bellanova e l’attacco al Pd

La ministra delle Politiche Agricole Teresa Bellanova ha parlato delle nuove polemiche che si sono sollevate nei suoi confronti e sulla sua partecipazione alla kermesse: “Altro che il mio vestito, è stato contestato che Italia Viva e Matteo Renzi hanno detto che io posso stare lì, alla pari di quelli che da decenni esercitano una funzione”.

La ministra fa riferimento alla bufera social per il suo abito al giuramento del governo Conte bis. “Oggi nasce la casa dei riformisti, dove uomini e donne hanno pari opportunità – ha detto la ministra -, in cui le donne non vengono ammesse solo in cucina, e poi ai ‘caminetti’ vanno gli uomini”.

Bellanova ha colto l’occasione per sferrare un attacco al Pd: “Chi viene dalla mia storia sa che le divisioni non le ho mai fatte, ma in questo caso non si poteva fare diversamente. Perché c’erano le bande armate. Siamo stanchi di litigi inutili”. Queste le parole riportate dal Corriere della Sera. Per la ministra “Italia viva non è solo la casa di quelli che ne hanno lasciato un’altra ma di chi una casa ancora non l’ha trovata. Quel progetto politico che doveva mettere insieme due forze riformiste non si è mai realizzato”.

Leopolda, la frecciata di Giuseppe Sala a Maria Elena Boschi

Parlando della Leopolda, il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha dichiarato: “Alcuni atteggiamenti non mi sono certo piaciuti. Non mi è piaciuto per nulla quello che ha detto l’onorevole Boschi”.

Sala ha fatto riferimento alle parole di Boschi sul Pd a margine della messa per l’anniversario della strage dei Piccoli Martiri di Gorla. “Mi sembra che lei imiti Salvini senza averne le qualità – ha aggiunto – detto questo mi auguro che con queste provocazioni si fermino altrimenti è difficile mandare avanti un governo. Sembrava che la novità di questo governo fosse una situazione più pacificata, così deve essere”.

VIRGILIO NOTIZIE | 20-10-2019 14:08

Matteo Renzi, alla Leopolda è bagno di folla: le immagini Fonte foto: ANSA
Matteo Renzi, alla Leopolda è bagno di folla: le immagini
,,,,,,,