,,

Carabiniere ucciso: un buco temporale getta ombre sul delitto

I legali di uno dei due presunti killer di Mario Cerciello Rega evidenziano il buco temporale per scagionarlo dalle accuse

Il consulente legale statunitense della famiglia di Finnegan Lee Elder, Craig Peters, in un’intervista rilasciata alla ABC7 News, ha fatto sapere che “Dobbiamo avere risposte ad alcune domande riguardo le indagini, che ci sembra i media non abbiano, ad oggi, ancora fatto”.

Tra le tante incognite sollevate non solo dai giornali ma anche dalla ricostruzione della Procura, ci sarbbe anche un buco di 24 minuti. Francesco Petrelli e Fabio Alonzi, avvocati di Gabriel Christian Natale Hjorth, punterebbero proprio su questo lasso temporale per difendere il proprio assistito, e dimostrare che fosse ignaro che l’amico avesse un’arma.

Finnegan Lee Elder e Gabriel Christian Natale Hjorth sparirebbero dalle telecamere di videosorveglianza per quasi mezz’ora dopo essere usciti dall’hotel per andare all’appuntamento con Sergio Brugiatelli per portargli lo zaino. All’incontro, davanti alla Banca Unicredit di via Cesi, ci sarà una collutazione di 4 minuti e l’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega.

Non è chiaro cosa i due ragazzi abbiano fatto prima di arrivare sul luogo del delitto. Nei prossimi giorni, riporta Il Messaggero, questo aspetto potrebbe essere chiarito dall’acquisizione di nuovi filmati delle videocamere di sorveglianza della zona da parte delle forze dell’ordine.

Intanto il comando generale ha consegnato al procuratore aggiunto Nunzia D’Elia e al pm Sabina Calabretta i turni della notte tra il 25 e il 26 luglio, chiarendo che il carabiniere ucciso presumibilmente dai due americani Mario Cerciello Rega era in servizio dalle 24 alle 6 del mattino.

VIRGILIO NOTIZIE | 02-08-2019 14:20

Carabiniere ucciso: i punti oscuri dopo la conferenza stampa Fonte foto: ANSA
Carabiniere ucciso: i punti oscuri dopo la conferenza stampa
,,,,,,,