,,

Lampedusa: Sea Watch, Carola Rackete ricoperta di insulti

Il circolo Lega Lampedusa che aveva pubblicato il video, poi rimosso, si difende: "Non abbiamo niente a che fare con quelle frasi razziste"

Spero che ti violentino ‘sti negri, a quattro a quattro te lo devono infilare, ti piace il c***o ne**o”. E anche “zingara”, “cornuta”, “tossica”, “venduta”, “in galera”, vattene in Olanda”. Sono alcuni degli insulti rivolti da diverse persone presenti sul molo di Lampedusa a Carola Rackete mentre sbarcava dalla nave Sea Watch 3, attraccata in porto nella notte dopo una manovra non autorizzata.

Gli insulti, le urla, i fischi si potevano vedere in un video pubblicato dalla pagina Facebook Lega Lampedusa, poi rimosso. Bersagli delle ingiurie anche i parlamentari del centrosinistra che erano saliti a bordo della nave, nei cui confronti il ministro dell’Interno Matteo Salvini aveva chiesto l’arresto. “Cog****i, siete andati a Genova quando è caduto il ponte?”. “Le mogli vi devono stuprare questi clandestini”: sono queste alcune delle frasi rivolte contro i deputati. Un video con gli insulti ricevuti è stato pubblicato anche dal senatore Pd Davide Faraone, che era a bordo nella Sea Watch.

Il circolo Lega Lampedusa che aveva pubblicato il video si è difeso dicendo su Fb di non avere “niente a che fare con quelle frasi razziste e che condanniamo qualsiasi forma di razzismo. Noi non siamo contro gli immigrati, perchè purtroppo sono persone sfortunate, qualsiasi persona civile accoglierebbe una persona in difficoltà”.

“Volevamo anche specificare – si legge nel post – che, questa notte, c’era una festa su una spiaggia e che molto probabilmente sarà stato qualche ragazzino su di giri”. Noi della ‘lega Lampedusa’, ribadiamo che prendiamo le distanze da questi soggetti e da queste frasi orribili, purtroppo non possiamo sapere e prevedere quello che diranno o faranno gli altri”.

Uno dei ragazzi che ha rivolto insulti sessisti alla capitana della Sea Watch, un pizzaiolo di 23 anni, ha spiegato all’Adnkronos che era ubriaco. “Chiedo scusa alla comandante Carola per averle rivolto quegli insulti sessisti. Mi dispiace ma ero arrabbiato perché due giorni prima dei tunisini avevano molestato la mia ragazza e ce l’avevo con loro. In ogni caso non sono leghista ma voto per il M5S”, ha detto il giovane.

VirgilioNotizie | 29-06-2019 14:32

rackete-carola Fonte foto: Ansa
,,,,,,,