,,

L'avvocato di Filippo Turetta sull'interrogatorio: "Domani è escluso", entro quando può essere sentito dal Gip

L’avvocato di Filippo Turetta ha escluso la possibilità di un interrogatorio domani. Ma c’è già una probabile data per l’incontro con il gip

Pubblicato il:

Giovanni Caruso, il nuovo avvocato di Filippo Turetta, ha escluso la possibilità di un interrogatorio con il gip già nella giornata di domani. Secondo il legale ci sono prima una serie di passaggi da affrontare, che se svolti in tempi brevi potrebbero portare all’interrogatorio di garanzia nella giornata di lunedì, o comunque per l’inizio della prossima settimana.

L’arrivo di Filippo Turetta in Italia

Filippo Turetta, il 22enne arrestato in Germania per l’omicidio dell’ex fidanzata Giulia Cecchettin, arriverà in Italia domani, sabato 25 novembre, atterrando a Venezia con un volo in partenza da Francoforte.

Nel momento del suo arrivo, Turetta riceverà l’ordinanza di custodia cautelare, in seguito alla quale si attiverà un iter che potrà portare il gip di Venezia, Benedetta Vitolo, a fissare una data per l’interrogatorio.

L'avvocato di Filippo Turetta sull'interrogatorio: Fonte foto: ANSA
Il complesso carcerario di Halle dove è rinchiuso Filippo Turetta, il 22enne accusato dell’omicidio di Giulia Cecchettin e in attesa di essere consegnato all’Italia

Inizialmente si era pensato che l’incontro tra Turetta e il gip potesse avvenire direttamente all’arrivo del 22enne in Italia, ma il nuovo legale della famiglia Turetta, Giovanni Caruso, ha chiarito che questa ipotesi non è praticabile.

La data dell’interrogatorio

L’avvocato Giovanni Caruso, del foro di Padova, ordinario di Diritto Penale all’Università degli Studi di Padova, è stato scelto per affiancare l’avvocato Emanuele Compagno, travolto dalle critiche nei giorni scorsi e probabilmente, come riporta il Messaggero, in procinto di abbandonare il caso.

Secondo Caruso, non c’è possibilità che l’interrogatorio di garanzia di Filippo Turetta possa avvenire già nella giornata di domani. Secondo il legale infatti, stando alle informazioni dell’ANSA, il gip Benedetta Vitolo vorrebbe prima incontrare Turetta per potergli parlare e conoscere le carte dell’indagine.

Essendoci comunque un termine di cinque giorni da quando sarà consegnato alle autorità italiane, l’interrogatorio di Turetta avverrà certamente la prossima settimana, ma comunque non prima di lunedì 27 novembre.

Gli atti da notificare

L’avvocato Caruso ha inoltre chiarito di non aver ancora ricevuto alcuna notifica relativa alla posizione del suo assistito, accusato dell’omicidio della ex fidanzata Giulia Cecchettin. L’unica informazione che al momento sembrerebbe essere giunta riguarda la detenzione di Turetta, che dovrebbe andare nel carcere di Venezia, dove sarà sorvegliato a vista 24 ore su 24 e si troverà in una cella singola.

Come detto, alcuni di questi atti verranno notificati al legale nel momento in cui Turetta sarà rientrato in Italia. In ogni caso, una volta ottenuto l’accesso agli atti, la difesa dovrà avere il tempo necessario per studiarli.

C’è inoltre la possibilità, visti le ultime informazioni in merito alle azioni di Turetta precedenti l’omicidio, che ai reati contestati potrebbero essere aggiunta l’aggravante della premeditazione, oltre al reato di occultamento di cadavere.

filippo-turetta-arresto-1 Fonte foto: ANSA

Energia: aiuti di Stato per le aziende

,,,,,,,,