,,

Investire nei mercati finanziari in tempi di crisi: come gestire strategie e rischi

I consigli degli esperti su strategie ed asset per gestire correttamente gli investimenti finanziari e minimizzare i rischi

Di: VirgilioNotizie | Pubblicato il:

I timori di una recessione globale stanno influenzando l’andamento dei mercati finanziari. In questa situazione di incertezza, gli analisti concentrano l’attenzione sull’inflazione e sulle politiche monetarie delle banche centrali. Investire nei mercati finanziari anche durante le crisi è possibile, seguendo i suggerimenti degli esperti ed evitando di incorrere negli errori più comuni.

Secondo il report Global Financial Stability del Fondo Monetario Internazionale (FMI), il deterioramento della liquidità di mercato per diverse asset class e le previsioni sul rallentamento dell’economia mondiale hanno aumentato il rischio di instabilità finanziaria.

In base alle stime dell’FMI, l’economia globale crescerà del 2,7% nel 2022, con una riduzione dello 0,2% rispetto alla precedente previsione e dell’1,1% in confronto alla stima di inizio anno. Inoltre, l’Istituzione internazionale con sede a Washington prevede che la crescita mondiale cali al di sotto del 2%, una prospettiva che ha allarmato aziende e investitori.

Il consiglio degli esperti ai trader e agli investitori è quello di prestare massima attenzione all’andamento dei prezzi e alle decisioni che verranno prese nei prossimi mesi da parte delle banche centrali, FED e BCE in primis. Così, sarà possibile investire nei mercati finanziari in modo consapevole.

Investire in tempi di crisi: le strategie migliori

Le ultime settimane a Wall Street sono state caratterizzate da forti ribassi, un andamento condizionato dallo spettro della recessione globale, ma questo non significa non poter investire ugualmente, con alcuni accorgimenti.

Dall’inizio dell’anno tutti gli indici americani hanno subito una decisa contrazione, con lo S&P 500 che ha perso oltre il 23% nel 2022 e il Nasdaq 100 il 33%. Anche le Borse europee hanno seguito un andamento analogo, con l’Euronext che ha ceduto quasi il 30% nel 2022 e l’FTSE MIB che ha contenuto le perdite con una contrazione del 12%.

In uno scenario simile, ai fini di un investimento finanziario profittevole occorre modificare la propria strategia.

Gli asset più interessanti

Secondo gli analisti di Morgan Stanley, nel 2022 ci sarà un considerevole calo degli utili delle società americane quotate alla Borsa di New York, mentre gli esperti di Blackrock consigliano di puntare sulle azioni con prospettive di lungo termine, realizzando aggiustamenti al portafoglio nel breve termine per proteggersi dai rischi.

Tra gli asset più interessanti ci sono materie prime e azioni value, senza trascurare le valute diverse dall’euro e i beni rifugio.

La diversificazione degli investimenti

La situazione odierna richiede un approccio orientato alla diversificazione degli investimenti, rafforzando la liquidità e le posizioni nei titoli difensivi, oltre a valutare in modo accurato la quota obbligazionaria.

D’altronde, i BTP a 10 anni sono arrivati a offrire un interessante rendimento del 4,7%, con la possibilità di diversificare puntando anche sui bond americani a breve termine, tenendo conto che il rendimento dei titoli di Stato USA a 1 anno è arrivato al 4,5% mentre i treasury a 10 anni viaggiano intorno al 3,9%.

Per quanto riguarda l’inflazione USA, Goldman Sachs e JP Morgan prevedono che, in caso di ulteriori aumenti dei prezzi e conseguenti rialzi dei tassi d’interesse da parte della FED, la borsa americana potrebbe continuare a scendere nei prossimi mesi. Uno scenario più ottimistico si potrebbe prospettare soltanto con un’inflazione al di sotto del 7,8%, contesto in cui lo S&P 500 potrebbe guadagnare circa il 3% invertendo la tendenza al ribasso degli ultimi mesi.

Le opportunità nel trading: strategie e gestione dei rischi

Se per gli investitori tradizionali si prospettano mesi difficili, per i trader non dovrebbero mancare le opportunità d’investimento e le possibilità di speculazione a breve e medio termine.

Anche nel trading deve rimanere alta l’attenzione nei confronti della gestione del rischio, valutando in modo corretto i trend di mercato e i movimenti degli asset all’interno del contesto macroeconomico, utilizzando in modo efficace strumenti come gli stop loss per operare nel trading con un’adeguata prudenza.

Le forti oscillazioni attese dagli analisti sui mercati finanziari dovrebbero spingere la volatilità nel breve periodo, fluttuazioni che sono destinate ad attenuarsi soprattutto in alcuni settori più solidi e resilienti. Un fattore da valutare in modo approfondito è l’illiquidità dei mercati durante la fase di turbolenza, in cui si potrebbero riscontrare maggiori difficoltà nella vendita degli asset in portafoglio. Disinvestire potrebbe non essere facile in alcuni momenti, quindi è essenziale pianificare una corretta strategia d’investimento tenendo conto di questo aspetto.

Bisogna anche differenziare bene i settori ciclici e quelli difensivi, in quanto i titoli reagiscono in modo diverso in concomitanza con le crisi e le fasi recessive.

La Consob consiglia di evitare l’impulsività e l’emotività nelle scelte di investimento, in quanto possono portare ad errori di valutazione e spingere a prendere decisioni sbagliate nei momenti cruciali.

Al contrario, l’Autorità italiana raccomanda di informarsi bene, rafforzare il portafoglio e riconsiderare alcuni investimenti più esposti in modo consapevole.

investire-mercati-finanziari Fonte foto: iStock
,,,,,,,,