,,

Indagato un sindaco leghista: la reazione di Salvini

Andrea Cassani, primo cittadino di Gallarate, è indagato per turbativa d'asta

Il sindaco leghista di Gallarate (Varese) Andrea Cassani è indagato per turbativa d’asta in uno dei filoni dell’inchiesta milanese su un sistema di tangenti, finanziamenti illeciti, appalti e nomine pilotate. Lo riferisce l’Ansa. Al centro dell’inchiesta condotta dalla procura di Milano c’è la figura di Nino Caianiello, ex responsabile di Forza Italia a Varese.

Oggi la Guardia di Finanza di Busto Arsizio ha effettuato una serie di acquisizioni di documenti negli uffici comunali di Gallarate.

Cassani è indagato per aver truccato, secondo l’accusa, un bando di gara per la nomina di due avvocati per un parere legale su un’azione di responsabilità intentata dall’ex Giunta di centrosinistra contro gli ex amministratori di una municipalizzata, tra cui proprio Caianiello. Secondo l’accusa, la gara sarebbe stata pilotata in favore degli avvocati poi effettivamente scelti.

L’indagine è una delle tante tranche dell’inchiesta milanese che lo scorso 7 maggio ha portato a 43 misure cautelari, tra cui quelle a carico di Caianiello e degli esponenti di FI Fabio Altitonante e Pietro Tatarella.

“Ho dato disponibilità per essere ascoltato al più presto, ho appreso dalla stampa di essere indagato, ritengo giusto che la Procura faccia le indagini necessarie, così che io possa chiarire la mia posizione senza ombre”, ha dichiarato all’Ansa Andrea Cassani.

Il leader leghista Matteo Salvini ha commentato così: “Tutto il mio appoggio al bravo sindaco Cassani, alla sua giunta e a tutta la comunità di Gallarate, esempio di buona e corretta amministrazione, di partecipazione cittadina democratica e trasparente”.

Guai anche per un altro sindaco eletto con la Lega: Antonio Trifoli, primo cittadino di Riace, è stato dichiarato ineleggibile dal tribunale di Locri.

VIRGILIO NOTIZIE | 11-11-2019 20:48

gallarate Fonte foto: Ansa
,,,,,,,